Le Frasi più Belle di Adam Mickiewicz

»»Adam Mickiewicz
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

4 Aforismi e Citazioni di Adam Mickiewicz

  • Adam Mickiewicz frasi

Breve Biografia di Adam Bernard Mickiewicz

Nome: Adam Bernard Mickiewicz
In Arte:
Luogo di Nascita: Zavosse ( Bielorussia )
Data Nascita: 24/12/1798
Data Morte: 26/11/1855
Professione: Poeta
Premi:


  • 1

    Meglio un istante ad aprile che tutto un lungo mese in autunno.

     

    Autunno

  • 2

    Le mie lacrime, pure, fitte, scesero sulla mia infanzia idillica ed angelica, sulla sciocca e superba giovinezza, sulla mia età d'uomo, età di sconfitte, le mie lacrime, pure, fitte, scesero.

    » (traduzione. S. Quasimodo) 

    no tags

  • 3

    Incertezza Se non ti vedo – non soffro, non piango, E non perdo i sensi, quando ti guardo; Eppure, quando a lungo non ti vedo, Qualcosa cerco, e di vederti chiedo E, struggendosi, si domanda il cuore: E’ l’amicizia, o non sarà l’amore? Quando scompari, nemmeno una volta Riesco a ricordare il tuo volto; Eppure spesso, anche se non voglio, Esso è così vicino al mio ricordo; E nuovamente si domanda il cuore: E’ l’amicizia, o non sarà l’amore? Spesso ho sofferto – e non ho mai pensato, Che il mio dolore ti avrei riversato; Senza meta, non badando alla strada, Non so come raggiungo la tua casa; Ed entrando, si domanda il cuore: M’ha guidato l’amicizia – o l’amore? Per la tua salute la vita darei, Per la tua quiete all’inferno scenderei, Benché non senta un desiderio audace, Di essere per te salute e pace. E nuovamente si domanda il cuore: E’ l’amicizia, o non sarà l’amore? Quando posi la tua mano sulla mia, Mi avvolge una serena nostalgia, Mi sembra di morir come in un sogno; Ma impetuoso mi risveglia dal sonno, E a voce alta si domanda il cuore: E’ l’amicizia o è anche l’amore? Quando per te ho scritto questo canto, La musa del vate non m’era accanto; Pieno di stupore non ho compreso, Da dove i pensieri e le rime ho preso, E alla fine ha domandato il mio cuore: M’ha ispirato l’amicizia – o l’amore?

    » (trad. Paolo Statuti) 

    no tags

  • 4

    Al mio Cicerone a Roma Alla signora Henryka Ankwiczówna Sul tuo monumento, mio Cicerone, Un viandante, un’ignota persona, Come segno d’essere stato a Roma, Ha scritto illeggibile il suo nome. Forse presto un’ondata veemente Lo inghiottirà; o la sabbia silenziosa Coprirà la sua vita e le vicende, E mai di lui sapremo qualcosa… Voglio indovinare cosa provava, Quando in Italia, sul tuo libro aperto, Quel nome come epigrafe lasciava, Unica traccia del suo cammino incerto. Forse dopo aver a lungo pensato, Con la mano tremante lo ha inciso? Oppure andandosene gli è sfuggito, Come una lacrima nel commiato? Mio Cicerone! d’un bimbo hai le gote, Ma sulla fronte hai la saggezza antica; Fra i templi di Roma e le sue porte, Tu sei stato per me l’angelo guida. Tu sai entrare nel cuore più duro; Con un solo tuo sguardo turchino, Leggi il passato, e forse anche il futuro Tu puoi conoscere del pellegrino!…

    » (trad. Paolo Statuti) 

    no tags

2017-05-13T09:05:17+02:00