96 Aforismi Citazioni e Frasi Celebri di Alessandro Baricco

Alessandro Baricco

☰ Biografia...

Nome: Alessandro Baricco
In Arte:
Luogo di Nascita: ( Italia )
Data Nascita: 25/1/1958
Data Morte:
Professione: Scrittore, saggista, critico musicale.
Premi: Premio Viareggio '93, Prix Médicis étranger, Premio Campiello.

  • 1) A volte le cose, gli avvenimenti, sembrano accadere per caso, ma il caso non è mai casuale, è lì che ti aspetta a modo suo.
    no tags
  • 2) A volte le parole non bastano. E allora servono i colori. E le forme. E le note. E le emozioni.
    no tags
  • 3) Accadono cose che sono come domande. Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita risponde.
    Vita
  • 4) Alla vita manca sempre qualcosa per essere perfetta.
    Vita
  • 5) Anche se dovesse far male da morire, è vivere che voglio.
    Vivere
  • 6) Andavo di fantasia, e di ricordi, è quello che ti rimane da fare, alle volte, per salvarti, non c'è più nient'altro. Un trucco da poveri, ma funziona sempre.
    no tags
  • 7) Aveva la bellezza di cui solo i vinti sono capaci. E la limpidezza delle cose deboli. E la solitudine, perfetta, di ciò che si è perduto.
    Solitudine
  • 8) C'era anche un perché, ma non me lo ricordo. Non si ricordano mai i perché.
    no tags
  • 9) C'è il mare, d'accordo, ma il mare è poi sempre quello, sempre uguale, mare fino all'orizzonte, se va bene ci passa una nave, non è che sia poi la fine del mondo.
    Mare
  • 10) C'è una dignità immensa, nella gente, quando si porta addosso le proprie paure, senza barare, come medaglie della propria mediocrità.
    Dignità
  • 11) Capisci come combattono e magari capirai chi sono.
    no tags
  • 12) Chi ha visto la verità rimarrà per sempre inconsolabile.
    Verità
  • 13) Crepita, la vita, brucia istanti feroci e negli occhi di chi passa anche solo a venti metri da lì non è che un'immagine come un'altra, senza suono e senza storia.
    Vita
  • 14) Dal vino si impara un'ipotesi importante: quando percepiamo un'evidente perdita di anima, lì stanno lavorando, sotto la superficie di un'apparente barbarie, eventi di natura diversa che è possibile riconoscere uno ad uno.
    Vino
  • 15) Davvero ci sono momenti in cui l'onnipresente e logica rete delle sequenze causali si arrende, colta di sorpresa dalla vita, e scende in platea, mescolandosi tra il pubblico, per lasciare che sul palco, sotto le luci della libertà vertiginosa e improvvisa, una mano invisibile peschi nell'infinito grembo del possibile e tra milioni di cose, una sola ne lasci accadere.
    no tags
  • 16) Dove inizia la fine del mare? O addirittura: cosa diciamo quando diciamo: mare? Diciamo l'immenso mostro capace di divorarsi qualsiasi cosa, o quell'onda che ci schiuma intorno ai piedi? L'acqua che puoi tenere nel cavo della mano o l'abisso che nessuno può vedere? Diciamo tutto in una parola sola o in un sola parola tutto nascondiamo?
    Mare
  • 17) E non bisogna pensare che siano cose che succedono per caso, no... e nemmeno per una questione di diottrie, è il destino quello. Quella è gente che da sempre c'aveva già quell'istante stampato nella vita.
    Destino
  • 18) Erano aspiranti lettori che non avevano mai aperto un libro.
    Lettura
  • 19) Fanno delle cose, le donne, alle volte, che c'è da rimanerci secchi. Potresti passare una vita a provarci: ma non saresti capace di avere quella leggerezza che hanno loro, alle volte. Sono leggere dentro.
    Donne
  • 20) Forse il mondo è una ferita e qualcuno la sta ricucendo in quei due corpi che si mescolano.
    Mondo
  • 21) Forse la vita alle volte ti gira in un modo che non c'è proprio più niente da dire.
    Vita
  • 22) Google non ha nemmeno dieci anni di vita, ed è già nel cuore della nostra civiltà.
    Internet
  • 23) Google, è di fatto quel che di più simile all'invenzione della stampa ci sia stato dato di vivere.
    Internet
  • 24) Guardare i quadri è un'attività che conviene centellinare, per non farsi travolgere da quell'impasto di goduria e frustrazione a cui solo anime sottilmente perverse possono sopravvivere.
    no tags
  • 25) I desideri sono la cosa più importante che abbiamo e non si può prenderli in giro più di tanto. Così, alle volte, vale la pena di non dormire per star dietro ad un proprio desiderio.
    Desiderio
  • 26) I desideri stavano strappandomi l'anima. Potevo viverli, ma non ci sono riuscito. Allora li ho incantati.
    Desiderio
  • 27) Il destino fa fuoco con la legna che c'è.
    Destino
  • 28) Il destino non è una catena ma un volo.
    Destino
  • 29) Il mare incanta, il mare uccide, commuove, spaventa, fa anche ridere, alle volte, sparisce, ogni tanto, si traveste da lago, oppure costruisce tempeste, divora navi, regala ricchezze, non dà risposte, è saggio, è dolce, è potente, è imprevedibile. Ma soprattutto: il mare chiama.
    Mare
  • 30) Il mare è senza strade, il mare è senza spiegazioni.
    Mare
  • 31) Il mondo di fuori è sempre là. Puoi fare qualsiasi cosa ma stai certo che te lo ritrovi al suo posto, sempre. C'è da non crederci, ma è così.
    Mondo
  • 32) Il punto è importante proprio per il tipo di evidenza che assume in una cultura ancora fortemente romantica come la nostra: quel vino nega uno dei principi dell'estetica che ci è propria: l'idea che per raggiungere l'alta nobiltà del valore vero si debba passare per un tortuoso cammino se non di sofferenza quanto meno di pazienza e apprendimento.
    Vino
  • 33) Il rugby è un gioco primario: portare una palla nel cuore del territorio nemico. Ma è fondato su un principio assurdo, e meravigliosamente perverso: la palla la puoi passare solo all'indietro. Ne viene fuori un movimento paradossale, un continuo fare e disfare, con quella palla che vola continuamente all'indietro ma come una mosca chiusa in un treno in corsa: a furia di volare all'indietro arriva comunque alla stazione finale: un assurdo spettacolare.
    Rugby
  • 34) Il talento vero è possedere le risposte quando ancora non esistono le domande.
    Talento
  • 35) L'errore annulla qualsiasi passato nell'istante in cui arriva a bruciarti qualsiasi futuro. L'errore azzera il tempo, qualsiasi tempo.
    Errori
  • 36) La crudeltà è la virtù per eccellenza dei mediocri, hanno bisogno di esercitare la crudeltà, esercizio per cui non è necessaria la minima intelligenza.
    Crudeltà
  • 37) La gente fa così, è cattiva con quelli che perdono.
    Gente
  • 38) La guerra è un ossessione dei vecchi, che mandano i giovani a combatterla.
    Guerra
  • 39) La maggior parte della nostra vita la passiamo ad aspettare o a ricordare e mentre lo facciamo non siamo né tristi né felici; sembriamo tristi, ma semplicemente siamo lontani.
    Vita
  • 40) La mente ti mente improvvisamente e le strade che c'erano ieri non sono più niente.
    Mente
  • 41) La miseria è un'invenzione degli uomini e la grandezza il normale andazzo del mondo.
    no tags
  • 42) La musica è l'armonia dell'anima.
    Musica
  • 43) La prossima volta che nasco ateo, lo faccio in un paese dove quelli che credono in Dio credono in un Dio felice.
    no tags
  • 44) La sconcertante scoperta di quanto sia silenzioso, il destino, quando, d'un tratto, esplode.
    Destino
  • 45) La spettacolarità diventa un valore. Il valore.
    no tags
  • 46) La vita non è abbastanza grande per tenere insieme tutto quello che riesce ad immaginarsi il desiderio.
    Vita
  • 47) La vita si ascolta, così come si ascolta il mare... Le onde montano, crescono, cambiano le cose. Poi, tutto torna come prima ma non è più la stessa cosa.
    Vita
  • 48) La vita è sostanzialmente incoerente e la prevedibilità dei fatti un'illusoria consolazione.
    Vita
  • 49) Le idee, se sono allo stato puro, sono un meraviglioso casino: apparizioni provvisorie di infinito.
    no tags
  • 50) Lo sai come si fa a riconoscere se qualcuno ti ama? Ti ama veramente, dico? Credo che sia una cosa che ha a vedere con l'aspettare. Se è in grado di aspettarti, ti ama.
    Amore
  • 51) Morire è solo un modo particolarmente esatto di invecchiare.
    Morte
  • 52) Negli occhi della gente si vede quello che vedranno, non quello che hanno visto.
    Occhi
  • 53) Nel cerchio imperfetto del suo universo ottico la perfezione di quel moto oscillatorio formulava promesse che l'irripetibile unicità di ogni singola onda condannava a non essere mantenute.
    Promessa
  • 54) Nel suo piccolo, il microcosmo del vino descrive l'avvento, a livello planetario, di una prassi che, salvando il gesto, sembra disperderne il senso, la profondità, la complessità, l'originaria ricchezza, la nobiltà, perfino la storia.
    Vino
  • 55) Nelle parole d'ordine dei barbari risuona il morbido diktat dell'impero.
    no tags
  • 56) Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla.
    Storia
  • 57) Non si è mai lontani abbastanza per trovarsi.
    Lontananza
  • 58) Ogni quadro è in definitiva una promessa non mantenuta, e ogni museo una intollerabile via crucis di promesse non mantenute. E davanti a un quadro è uno dei posti migliori in cui esperire il sentimento dell'impotenza.
    no tags
  • 59) Ognuno di noi, ha bisogno di sogni per vivere.
    Sogni
  • 60) Ognuno ha il mondo che si merita.
    Mondo
  • 61) Per quanto uno si sforzi di vivere una sola vita, gli altri ce ne vedranno dentro altre mille, e questa è la ragione per cui non si riesce a evitare di farsi male.
    Vita
  • 62) Poi avvicina il pennello al volto della donna, esita un attimo, lo appoggia sulle sue labbra e lentamente lo fa scorrere da un angolo all'altro della bocca. Le setole si tingono di rosso carminio. Lui le guarda, le immerge appena nell'acqua, e rialza lo sguardo verso il mare. Sulla labbra della donna rimane l'ombra di un sapore che la costringe a pensare 'acqua di mare, quest'uomo dipinge il mare con il mare' ed è un pensiero che dà i brividi.
    Donne
  • 63) Puoi spendere anni a vivere, ore a leggere libri, milioni a farti allenare dallo psicanalista: ma alla fine la palla è in rete che finisce. L'errore annulla qualsiasi passato nell'istante in cui arriva a bruciarti qualsiasi futuro. L'errore azzera il tempo, qualsiasi tempo. Vedi cosa riesce a spiegarti, il tennis, senza dare nell'occhio: che quando sbagli, nel preciso istante in cui lo fai, sei eterno.
    no tags
  • 64) Qualsiasi partita di rugby è una partita di calcio che va fuori di testa. Con ordinata, e feroce, follia.
    Rugby
  • 65) Adesso che sono stato ad ascoltarlo, so che Agassi ha vissuto come giocava a tennis, cioè i piedi ben dentro al campo, ad aggredire la pallina mentre sale (tutti buoni a prenderla mentre scende), immaginando tutto a una velocità irragionevole, e collezionando sciocchezze mostruose e invenzioni sublimi.
    Sport
  • 66) Quando facevo i ritratti alla gente iniziavo dagli occhi. Li studiavo per minuti e minuti, li abbozzavo con la matita e quello era il segreto perché una volta che voi avete disegnato gli occhi.. Succede che tutto il resto viene da sé, è come se tutti gli altri pezzi scivolassero da soli intorno a quel punto iniziale il problema è: dove cavolo sono gli occhi del mare?
    Occhi
  • 67) È stato lui il primo bianco ad affidare alla musica leggera un patrimonio di contenuti civili, una tradizione che apparteneva ai negri d'America. Una novità. E, nello stesso tempo, mi pare quasi che le canzoni di Bob Dylan siano esistite da sempre. Fossi della generazione di Dylan sarei sicuramente un suo grande fan, ma forse per quelli della mia sono state più importanti le canzoni di Guccini o di Vasco
    » Corriere della Sera, 22 maggio 2001no tags
  • 68) Quando tu sai come fare a strappare un applauso o una risata, che cosa mai ti potrebbe indurre a dire la cosa giusta invece di quella che funziona?
    no tags
  • 69) [...] il capitano, che nel rugby non è una fascia bianca al braccio del più pagato: lì il capitano è il cuore e i marroni della squadra, uno che quando pensi mi arrendo lo guardi e ti senti un verme.
    » la Repubblica, 19 marzo 2000Lottare
  • 70) Quel che di bello c'è nella vita è sempre un segreto... Per me è stato così... Le cose che si sanno sono le cose normali, o le cose brutte, ma poi ci sono i segreti, ed è lì che si va a nascondere la felicità.
    Vita
  • 71) [...] Cesarini, quello della zona Cesarini, proprio lui: quando dai il tuo nome a un pezzetto di Tempo – il quale è solo di dio, dice la Bibbia – qualcosa nella vita lo hai fatto.
    » Repubblica.it, 3 maggio 2015no tags
  • 72) Quel che insegna Google è che c'è oggi una parte enorme di umani per la quale, ogni giorno, il sapere che conta è quello in grado di entrare in sequenza con tutti gli altri saperi.
    Sapere
  • 73) Rinunciare ai cavalli, alla civiltà dei cavalli, era forse la ritirata strategica necessaria, la inevitabile perdita di anima, per ottenere lo sviluppo di un'energia che non sarebbe poi apparsa, obbiettivamente, come una barbarie.
    Cavallo
  • 74) Rugby, gioco da psiche cubista, deliberatamente si scelsero un pallone ovale, cioè imprevedibile.
    Rugby
  • 75) Sapeva ascoltare, e sapeva leggere. Non i libri, quelli son buoni tutti, sapeva leggere la gente. I segni che la gente si porta addosso.
    Gente
  • 76) Scrivere è una forma sofisticata di silenzio.
    Scrivere
  • 77) Se lo guardi non te ne accorgi: di quanto rumore faccia. Ma nel buio... Tutto quell'infinito diventa solo fragore, muro di suono, urlo assillante e cieco. Non lo spegni, il mare, quando brucia nella notte.
    Mare
  • 78) Se una cosa vende molto, vale poco. L'adesione irrazionale a un principio del genere è probabilmente uno dei peccati capitali di ogni grande civiltà nella propria fase di decadenza.
    no tags
  • 79) Sensazione meravigliosa. Di quando il destino finalmente si schiude, e diventa sentiero distinto, e ormai inequivocabile, e direzione certa. Il tempo interminabile dell'avvicinamento. Quell'accostarsi. Si vorrebbe non finisse mai. Il gesto di consegnarsi al destino. Quella è un'emozione: Senza più dilemmi, senza più menzogne. Sapere dove. E raggiungerlo. Qualunque sia, il destino.
    Destino
  • 80) Si imparano un sacco di cose, avendo la pazienza di farlo.
    Imparare
  • 81) Succede. Uno si fa dei sogni, roba sua, intima, e poi la vita non ci sta a giocarci insieme, e te li smonta, un attimo, una frase, e tutto si disfa. Succede. Mica per altro che vivere è un mestiere gramo. Tocca rassegnarsi. Non ha gratitudine, la vita, se capite cosa voglio dire.
    Vita
  • 82) Suonavamo perché l'Oceano è grande, e fa paura, suonavamo perché la gente non sentisse passare il tempo, e si dimenticasse dov'era e chi era. Suonavamo per farli ballare, perché se balli non puoi morire, e ti senti Dio. E suonavamo il ragtime, perché è la musica su cui Dio balla, quando nessuno lo vede. Su cui Dio ballava, se solo era negro.
    Musica
  • 83) A me risulta che la ricerca del senso è una sorta di partita a scacchi, molto dura e solitaria, e che non la si vince alzandosi dalla scacchiera e andando di là a preparare il pranzo per tutti. È ovvio che occuparsi degli altri fa bene, ed è un gesto così dannatamente giusto, e anche inevitabile, necessario: ma non mi è mai venuto da pensare che potesse c'entrare davvero con il senso della vita. Temo che il senso della vita sia estorcere la felicità a se stessi, tutto il resto è una forma di lusso dell'animo, o di miseria, dipende dai casi. Peraltro, è anche possibile che mi sbagli. È giusto un pensiero istintivo – un certo modo di vedere il mondo.
    Vita
  • 84) Tra tutte le vite possibili, ad un bisogna ancorarsi per poter contemplare, sereni, tutte le altre.
    VitaContemplazione
  • 85) Un pianoforte. I tasti iniziano. I tasti finiscono. Tu sai che sono 88, su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti, loro. Tu, sei infinito, e dentro quei tasti, infinita è la musica che puoi fare. Loro sono 88. Tu sei infinito.
    no tags
  • 86) Un pretesto per tornare bisogna sempre seminarselo dietro, quando si parte.
    Storia
  • 87) Uno si fa dei sogni, roba sua, intima, e poi la vita non ci sta a giocarci insieme, e te li smonta, un attimo, una frase, e tutto si disfa. Succede.
    Sogni
  • 88) È così che ti frega, la vita. Ti piglia quando hai ancora l'anima addormentata e ti semina dentro un'immagine, o un odore, o un suono che poi non te lo togli più. E quella lì era la felicità. Lo scopri dopo, quand'è troppo tardi. E già sei, per sempre, un esule: a migliaia di chilometri da quell'immagine, da quel suono, da quell'odore. Alla deriva.
    Vita
  • 89) È sempre un qualche meraviglioso silenzio che porge alla vita il minuscolo o enorme boato di ciò che poi diventerà inamovibile ricordo.
    Vita
  • 90) È solo questo davvero importante: che quando arriva il momento di pagare uno non pensi a scappare e stia lì, dignitosamente, a pagare.
    no tags
  • 91) È un viaggio per viandanti pazienti, un libro.
    Libri
  • 92) È una cosa strana. Quando ti accade di vedere il posto in cui saresti salvo, sei sempre lì che guardi da lontano.
    no tags
  • 93) È uno specchio, questo mare. Qui, nel suo ventre, ho visto me stesso.
    Mare
  • 94) È uno strano dolore morire di nostalgia per una cosa che non vivrai mai.
    Nostalgia
  • 95) Perché perché perché perché perché… Ho l’impressione che sulla terra sprechiate troppo tempo a chiedervi troppi perché. D'inverno non vedete l’ora che arrivi l’estate. D’estate avete paura che torni l’inverno. Per questo non vi stancate mai di rincorrere il posto dove non siete: dove è sempre estate.
    Inverno
  • 96) Sapete, è geniale questa cosa che i giorni finiscono. E’ un sistema geniale. I giorni e poi le notti. E di nuovo i giorni. Sembra scontato, ma c’è del genio. E là dove la natura decide di collocare i propri limiti, esplode lo spettacolo. I tramonti.
    Tramonto
Fonti

Per eventuali fonti non citate si prega di fare riferimento alla pagina dei Ringraziamenti

Top

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima parte o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .Cookie policy