Le Frasi più Belle di Anonimo

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

12 Aforismi e Citazioni di Anonimo

Breve Biografia di

Nome:
In Arte:
Luogo di Nascita: ( )
Data Nascita:
Data Morte:
Professione:
Premi:


Sono qui elencate le frasi per le quali non è stato possibile individuare la fonte o per le quali la pagina dell'autore è in fase di realizzazione.
  • 1

    Chi ha paura si sente più sicuro nel male che nel bene.

    » Ernst Wiechert 

    Paura

  • 2

    Credo nell'assoluta unicità di Dio e, perciò, anche dell'umanità. Che importa se abbiamo molti corpi? L'anima è una sola. La rifrazione moltiplica i raggi del sole, ma la sorgente è la stessa.

    » 'Il mio credo, il mio pensiero' 

    no tags

  • 3

    Per chi mi ha preso, per un idiota? (In risposta ad un giornalista che gli chiese se era felice).

     

    no tags

  • 4

    Il passato si nutre dei minuti presenti.

     

    no tags

  • 5

    Puoi pretendere di essere serio; non puoi pretendere di essere saggio.

     

    no tags

  • 6

    L'alibi è il modo legale di provare che un uomo, in quel dato giorno, a quella data ora, non era nel luogo in cui realmente era.

     

    no tags

  • 7

    Non ho mai guardato attraverso un buco della serratura senza trovare qualcuno dall'altra parte che sta guardando.

     

    no tags

  • 8

    Ogni sventura dà poi il piacere di raccontarla.

     

    no tags

  • 9

    Per un uomo intelligente, non sei così stupido come sembra.

     

    no tags

  • 10

    Ho preso quel sorriso e l’ho messo proprio dove c’era un vuoto nel mio petto. Era meglio del caffè o del cioccolato o di una piroetta perfetta. Mi aggrappai e lo tenni stretto.

    » Cecil Castellucci 

    Sorriso

  • 11

    La natura e le sue leggi giacevano nascoste nella notte Dio disse che Newton sia! E tutto fu luce.

    » epitaffio sulla sua tomba (scritto da Alexander Pope) 

    no tags

  • 12

    Fermare la diffusione del sapere è uno strumento di controllo per il potere perché conoscere è saper leggere, interpretare, verificare di persona e non fidarsi di quello che ti dicono. La conoscenza ti fa dubitare. Soprattutto del potere. Di ogni potere.

    » La Repubblica, 13 giugno 2004 

    no tags

2017-08-02T12:00:16+02:00