Le Frasi più Belle di Dacia Maraini

»»Dacia Maraini
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

43 Aforismi e Citazioni di Dacia Maraini

  • Dacia Maraini Scrittrice

Breve Biografia di Dacia Maraini

Nome: Dacia Maraini
In Arte:
Luogo di Nascita: ( )
Data Nascita: 13/11/1936
Data Morte:
Professione: Scrittrice, poetessa, saggista, drammaturga, sceneggiatrice
Premi: Premio Strega, Premio Fondazione Il Campiello, Premio Campiello, Premio Campiello – Selezione Giuria dei Letterati.


  • 1

    A volte ci si sfama anche con gli occhi.

     

    Occhi

  • 2

    Anche oziare, ma con consapevolezza, può essere un'arte.

     

    Ozio

  • 3

    C'è un -perché- nascosto in tutte le cose che conduce ad un altro -perché-, il quale suggerisce un piccolissimo imprevisto -perché-, da cui scaturisce probabilmente un altro, nuovissimo e appena nato -perché-.

     

    no tags

  • 4

    Credersi superiori è da piccini di mente. Siamo un granuccio di vita in un universo vorticante che precipita vertiginosamente verso chissà dove.

     

    Superiorità

  • 5

    Dopo millenni di odi e di guerre per lo meno dovremmo avere imparato questo: che il dolore non ha bandiera.

     

    Dolore

  • 6

    Gli innamorati si credono una folla anche quando sono uno più uno.

     

    Amore

  • 7

    I bambini hanno sguardo e memoria, anche quando sembra che non osservino.

     

    Bambini

  • 8

    I pochi felici che amano leggere poesie sanno che il carico dei suoni, delle parole può essere dolcissimo.

     

    Poesia

  • 9

    Il futuro è dei coraggiosi.

     

    Futuro

  • 10

    Il silenzio, quando non è scelto, è pieno di echi sinistri, tracce di richiami falliti, di grida soffocate, di segnali di fumo che il vento ha disperso.

     

    Silenzio

  • 11

    Il tempo è il segreto che Dio cela agli uomini. E di questo segreto si campa ogni giorno miseramente.

     

    Tempo

  • 12

    Il tempo è una scusa. Quando si ama una cosa il tempo lo si trova.

     

    Tempo

  • 13

    In ogni donna fa capolino una bambina che cocciutamente vuole rimanere tale.

     

    Donne

  • 14

    L'amore dovrebbe rendere liberi, non schiavi. È una distorsione psicologica e morale pensare che l'amore consista nel possedere e dominare l'altro.

     

    Amore

  • 15

    L'amore è una cinciallegra che vola e non riesci a fermarla, nemmeno a metterle il sale sulla coda.

     

    Amore

  • 16

    L'approssimazione è una delle cose più irritanti: sentire che una bella storia viene raccontata in maniera sciatta, casuale, senza nessuna ricerca sulle parole e sulle immagini, in modo generico e frettoloso è, per chi ama leggere, una vera offesa all'orecchio.

     

    no tags

  • 17

    L'ignoranza può essere sublime, ma è sempre perdente e conduce verso la catastrofe.

     

    Ignoranza

  • 18

    La bellezza non è qualcosa per cui si gareggia: ciascuno ha qualcosa di bello da scoprire; l'attenzione è la chiave della scoperta.

     

    Bellezza

  • 19

    La fretta è dei giovani che non conoscono le delizie dell'attesa, la volontà di un prolungamento che avvolge la resa di odori profondi e prelibati.

     

    Attesa

  • 20

    La giustizia è fatta di distacco, comprensione, giudizio, non di ritorsione e regolamento di conti.

     

    Giustizia

  • 21

    La memoria è la continuità del tempo, permette alla conoscenza di proseguire.

     

    Memoria

  • 22

    La poesia è l'operazione più artificiale che si possa immaginare. I poeti scrivono e riscrivono. Non improvvisano.

     

    Poesia

  • 23

    La ricerca non è soltanto funzionale a ciò che si sta cercando; la ricerca contiene in se stessa la ricompensa della sua fatica.

     

    no tags

  • 24

    Le fotografie ci ricordano che il tempo è multiforme e che noi siamo parte di una catastrofe metamorfica.

     

    Fotografia

  • 25

    Le parole, dice lo scrittore, vengono raccolte dagli occhi come grappoli di una vigna sospesa, vengono spremuti dal pensiero che gira come una ruota di mulino e poi, in forma liquida si spargono e scorrono felici per le vene. E questa la divina vendemmia della letteratura?

     

    Letteratura

  • 26

    Mantenere la stima di sé è il modo migliore per stare bene con se stessi.

     

    Stima

  • 27

    Mentre all'uomo si chiede di parlare secondo competenza e talento, alla donna si chiede di parlare con il corpo.

     

    Parlare

  • 28

    Mi piace innamorarmi. È uno stato che mi dà calore, leggerezza.

     

    Amore

  • 29

    Nella sciattezza linguistica in cui viviamo c'è bisogno della poesia, che ha la funzione di avvicinarsi all'assoluto. In questo mercato generale delle parole, la parola poetica diventa un assoluto.

     

    Poesia

  • 30

    Non c'è niente di eroico nel vile infierire su chi è più debole.

     

    Debolezza

  • 31

    Non è meglio farsi cremare come fanno gli indiani? Una lettiga trasportata a braccia dai parenti, il morto stretto dentro le fasce candide, una pira di legni profumati, una rapida fiammata, il crepitio dei rami, il fumo che sale a volute schiumose verso il cielo, in un quarto d'ora è tutto finito. Due mani pietose raccolgono le ceneri e le spargono nel Gange.

     

    no tags

  • 32

    Oggi i topi sono visti con disgusto e apprensione. Abitano nelle fogne delle città, si nutrono di rifiuti, sono grottescamente giganteschi e dotati di una forza da tigri.

     

    no tags

  • 33

    Patetica eppure grandiosa è la capacità dell'essere umano di credere nel futuro nonostante l'amarezza e la piccolezza del suo destino.

     

    Futuro

  • 34

    Per me l'amore è anche questo: stare vicini senza dirsi niente. Ci sono dei momenti in cui le parole fanno cilecca, sembrano senza vita in un rapporto d'amore.

     

    Amore

  • 35

    Può capitare di vivere senza -esistere-.

     

    Vivere

  • 36

    Rifiutando il concetto di schiavitù umana si arriva, per onestà intellettuale, ad ammettere anche l'ingiustizia della schiavitù nei riguardi degli animali.

     

    no tags

  • 37

    Un mio principio è non avere niente nella propria vita di cui non si possa parlare pubblicamente. Il che non vuol dire essere spudorati, ma solo sinceri.

     

    Sincerità

  • 38

    Un poeta è uno a cui non interessano le storie, si concentra sulle visioni e lavora sul linguaggio.

     

    no tags

  • 39

    Un rapporto d'amicizia che sia fra uomini o fra donne, è sempre un rapporto d'amore. E in una carezza, in un abbraccio, in una stretta di mano a volte c'è più sensualità che nel vero e proprio atto d'amore.

     

    Amicizia

    Sensualità

    Abbracci

  • 40

    Una volta i topi portavano la peste, forse per questo molta gente ne era terrorizzata. E ancora oggi il topo fa paura. Aveva in comune con gli uomini un parassita: la pulce. Era per via di quell'animaletto succhiasangue che si trovavano fianco a fianco nella tragedia.

     

    no tags

  • 41

    Uscire da un libro è come uscire dal meglio di sé. Passare dagli archi soffici e ariosi della mente alle goffaggini di un corpo accattone sempre in cerca di qualcosa è comunque una resa.

     

    Libri

  • 42

    È più facile che un cammello entri nella cruna di un ago piuttosto che una donna abbia la forza di essere se stessa, nella sua carne e nei suoi pensieri.

     

    Donne

  • 43

    È sempre per un soprassalto dell'immaginazione che si diventa gelosi.

     

    Gelosia

2018-07-12T16:01:09+02:00