Le Frasi più Belle di Grazia Deledda

»»Grazia Deledda
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

10 Aforismi e Citazioni di Grazia Deledda

  • Scrittrice famosa Grazia Deledda

Breve Biografia di Grazia Maria Cosima Damiana Deledda

Nome: Grazia Maria Cosima Damiana Deledda
In Arte: Grazia Deledda
Luogo di Nascita: Nuoro ( Italia )
Data Nascita: 28/9/1871
Data Morte: 15/8/1936
Professione: Scrittrice
Premi:


  • 1

    Ci sono molte donne che vivono nel ricordo di un amore fantastico, e l'amore vero è per esse un mistero grande e inafferrabile come quello della divinità.

     

    Amore

  • 2

    Infanzia!... È forse questa una parola magica e misteriosa, un geroglifico orientale, inteso indistintamente dall'anima, dalla mente, dal cuore, nei quali desta ricordi soavi, dolcissimi, benché sfumati tra le nebbie del passato, e sorrisi vagolanti e dolci come quei ricordi, e sussulti di rimpianto e dimenticanze del presente?

     

    Infanzia

  • 3

    L'amore è quello che lega l'uomo alla donna, e il denaro quello che lega la donna all'uomo.

     

    Denaro

  • 4

    La vita passa e noi la lasciamo passare come l'acqua del fiume, e solo quando manca ci accorgiamo che manca.

     

    Vita

    Acqua

  • 5

    Le grandi cose si dicono in silenzio.

     

    Silenzio

  • 6

    Mutiamo tutti, da un giorno all'altro, per lente e inconsapevoli evoluzioni, vinti da quella legge ineluttabile del tempo che oggi finisce di cancellare ciò che ieri aveva scritto nelle misteriose tavole del cuore umano.

     

    Tempo

  • 7

    Possibile che non si possa vivere senza far male agli innocenti?

     

    Male

  • 8

    Se vostro figlio vuole fare lo scrittore o il poeta sconsigliatelo fermamente. Se continua minacciatelo di diseredarlo. Oltre queste prove, se resiste, cominciate a ringraziare Dio di avervi dato un figlio ispirato, diverso dagli altri.

     

    Figli

  • 9

    Tutti siamo impastati di bene e di male, ma questo ultimo bisogna vincerlo.

     

    Male

  • 10

    Eugène Sue - quel gran romanziere glorioso o infame, secondo i gusti, ma certo molto atto a commuovere l'anima poetica di un'ardente fanciulla.

     

    no tags

2017-12-10T08:40:00+02:00