Le Frasi più Belle di Jack London

»»Jack London
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

23 Aforismi e Citazioni di Jack London

  • Jack london frasi celebri

Breve Biografia di John Griffith Chaney London

Nome: John Griffith Chaney London
In Arte: Jack London
Luogo di Nascita: San Francisco, California ( Stati Uniti )
Data Nascita: 12/01/1876
Data Morte: 22/11/1916
Professione: Scrittore, giornalista.
Premi:


  • 1

    La razza che possiede il più elevato altruismo durerà.

     

    no tags

  • 2

    L'alcolismo mina l'uomo. Lo rende inabile a vivere coscientemente la propria vita.

     

    no tags

  • 3

    L'incanto che emana da una donna è ineffabile, è diverso dalla percezione che sfocia nella ragione. Questo stato nasce dalla sensazione e culmina nell'emozione, la quale , è giocoforza ammetterlo, altro non è che sensazione al suo livello più alto.

     

    Donne

  • 4

    Non ho alcun rispetto per la pena di morte. Si tratta di un'azione sporca, che non degrada solo i cani da forca pagati per compierla ma anche la comunità sociale che la tollera, la sostiene col voto e paga tasse specifiche per farla mettere in atto. La pena di morte è un atto stupido, idiota, orribilmente privo di scientificità.

     

    no tags

  • 5

    Se riuscire a dimenticare è segno di sanità mentale, il ricordare senza posa è ossessione e follia.

     

    no tags

  • 6

    Un osso dato al cane non è carità: carità è l'osso spartito col cane quando avete fame come lui.

    » La strada, Acquaviva, 2008 

    Carità

    Cani

  • 7

    L’adolescenza è l’epoca in cui si conquista a morsi l’esperienza [...]

     

    Adolescenza

  • 8

    E’ più facile appoggiarsi a un altro che stare in piedi da solo.

    » dal libro Zanna bianca 

    no tags

  • 9

    La vita viveva della vita. Vi erano quelli che divoravano e quelli che erano divorati.

     

    no tags

  • 10

    C’è un’estasi che segna il culmine della vita, e oltre il quale la vita non può andare. E il paradosso dell’esistenza è che tale estasi giunge quando si è più vivi e consiste nella più completa dimenticanza dell’essere vivi.

     

    no tags

  • 11

    Vorrei piuttosto essere ceneri che polvere! Vorrei piuttosto che la mia scintilla bruciasse tutta e subito in una fiamma brillante piuttosto che si consumi sino allo stoppino. Vorrei piuttosto essere una superba meteora, ogni atomo di me in uno splendore magnifico, che un pianeta sonnacchioso e permanente. La funzione propria dell’uomo è di vivere, non di esistere. Io non sprecherò i miei giorni nel cercare di prolungarli. Io userò il mio tempo.

     

    no tags

  • 12

    La paura! Quell'eredità della vita selvaggia a cui nessun animale può sfuggire.

     

    Paura

  • 13

    L’uomo, in cui la vita scorre più irrequieta, l’uomo, ribelle alla legge che stabilisce che ogni movimento deve alla fine cessare.

     

    no tags

  • 14

    Non puoi aspettare che arrivi l’ispirazione. Devi andarne in cerca con un bastone.

     

    no tags

  • 15

    Non ti astenere. La vita e l’amore, si offrono a noi, la notte e il giorno, pongono la loro condizione. Accogliamo i loro doni, non chiediamo più.

     

    no tags

  • 16

    Quell'irrequietezza era diventata acuta, dolorosa, giacché sapeva finalmente, chiaramente, che cosa gli occorresse: la bellezza, la cultura intellettuale e l’amore.

     

    no tags

  • 17

    Di tutti gli sport, l'unico che ami veramente è la boxe. Certo, è uno sport che a poco a poco va scomparendo. Ma mi auguro che, nei giorni che mi restano da vivere, ci sia sempre da qualche parte un'arena cui poter andare.

     

    no tags

  • 18

    Dimenticati di te stesso e il mondo ti ricorderà.

     

    no tags

  • 19

    Leggete il mio Radiosa aurora, dove descrivo un superuomo di successo che, al culmine del suo trionfo e della sua carriera, getta via i suoi trenta milioni di dollari al vento per guadagnare qualcosa di più grande, l'amore.

     

    no tags

  • 20

    Mi trovo sull'orlo di un mondo talmente nuovo, terribile e meraviglioso che ho quasi paura a guardarci dentro.

    » Riferito a un'opera di Carl Gustav Jung 

    Paura

  • 21

    Preferirei di gran lunga essere campione del mondo dei pesi massimi – cosa impossibile – che re d'Inghilterra o presidente degli Stati Uniti o kaiser di Germania.

     

    no tags

  • 22

    Questa è la mia visione. Guardo al futuro, a un tempo in cui l'uomo progredirà verso qualcosa di più degno e più alto del suo stomaco, quando ci sarà una motivazione più sottile che spinga gli uomini all'azione che quella di oggi, lo stomaco. Mantengo la mia convinzione della nobiltà e dell'eccellenza del genere umano. Credo che la dolcezza spirituale e l'altruismo avranno la meglio sulla grossolanità della gola. E ultimo di tutto, la mia fede è nella classe operaia. Come ha detto un francese, "La scala del tempo fa sempre eco alla scarpa di legno che sale, mentre lo stivale tirato a lucido discende."

     

    no tags

  • 23

    La giusta funzione di un uomo è di vivere, non di esistere.

     

    no tags

2017-05-19T17:50:08+02:00