Le Frasi più Belle di Jean Claude Izzo

»»Jean Claude Izzo
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

13 Aforismi e Citazioni di Jean Claude Izzo

Breve Biografia di

Nome:
In Arte:
Luogo di Nascita: ( )
Data Nascita:
Data Morte:
Professione:
Premi:


  • 1

    Amare, è questo, la possibilità di perdere.

     

    Amore

  • 2

    Di fronte al mare la felicità è un'idea semplice.

     

    Mare

  • 3

    Essere pugile non significa soltanto colpire, ma, prima di tutto, imparare a ricevere i colpi. A incassare. A fare in modo che quei colpi facciano meno male possibile. La vita non è altro che un succedersi di round. Incassare, incassare. Tenere duro, non cedere. E colpire al posto giusto, nel momento giusto.

     

    Vita

  • 4

    Interrogare il passato non serve a niente. È al futuro che bisogna fare le domande. Senza futuro, il presente è solo disordine.

     

    Futuro

  • 5

    L'esistenza è fatta così, di incroci. Scegli se andare a sinistra o a destra e ti trovi su una strada diversa da quella che avevi sperato di imboccare.

     

    Strada

  • 6

    La scelta è solo un'illusione. L'inganno che la vita ti offre per rendere la pillola meno amara.

     

    Scelta

  • 7

    Le albe non sono che l'illusione della bellezza del mondo. Quando il mondo apre gli occhi, la realtà riprende i suoi diritti. E riappare il merdaio.

     

    no tags

  • 8

    Per pescare, bisogna avere la mente sgombra. Come a biliardo. Si guarda la palla. Ci si concentra sulla traiettoria che le si vuole far fare, e poi si imprime alla stecca la forza che si desidera. Con sicurezza e determinazione.

     

    no tags

  • 9

    Quando hai sofferto troppo, contando i soldi, non riesci più a vedere nulla della vita. Pensi solo a cambiarla.

     

    Sofferenza

  • 10

    Quando non si ha niente, avere il mare, il Mediterraneo è molto. Come un tozzo di pane per chi ha fame.

     

    Mare

  • 11

    Si può odiare continuando ad amare.

     

    Odio

  • 12

    Un immigrato è qualcuno che non ha perso niente, perché lì dove viveva non aveva niente. La sua unica motivazione è sopravvivere un po' meglio di prima.

     

    no tags

  • 13

    Un pescatore si riconosce dal lancio. Lanciare denota l'arte della pesca. L'esca attaccata all'amo deve impregnarsi di mare, dei suoi riflessi. Sapere che il pesce è lì sotto non basta. L'amo deve arrivare in acqua con la leggerezza di una mosca. L'abbocco, lo si deve intuire. Per uncinare il pesce nell'attimo in cui morde.

     

    no tags

2017-05-06T13:02:01+02:00