Le Frasi più Belle di Pietro Metastasio

»»Pietro Metastasio
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

47 Aforismi e Citazioni di Pietro Metastasio

  • Pietro Metastasio frasi famose

Breve Biografia di Pietro Antonio Domenico Bonaventura Trapassi

Nome: Pietro Antonio Domenico Bonaventura Trapassi
In Arte: Pietro Metastasio
Luogo di Nascita: Roma ( Italia )
Data Nascita: 3/1/1698
Data Morte: 12/4/1782
Professione: Poeta, librettista, drammaturgo.
Premi:


  • 1

    Amore e maestà non vanno insieme.

     

    Amore

  • 2

    Assai più giova che i fervidi consigli, una grande prudenza ai grandi perigli.

     

    Bene

  • 3

    Chi vive amante sai che delira, spesso si lagna, sempre sospira né d'altro parla che di morir.

     

    Amore

  • 4

    Il merito di ubbidire perde, chi chiede la ragione del comando.

     

    no tags

  • 5

    La fede degli amanti è come l'araba fenice: che vi sia, ciascuno lo dice, dove sia, nessuno lo sa.

     

    Amanti

  • 6

    La meraviglia dell'ignoranza è figlia e madre del sapere.

     

    Ignoranza

  • 7

    La vita si misura dalle opere e non dai giorni.

     

    Vita

  • 8

    Morir senza morire chiamar gioia il martire pensare agli altri ed obliar se stesso e far passaggio spesso di timore in timor, di brama in brama è quella frenesia che amor si chiama.

     

    Amore

  • 9

    Non si commetta al mar chi teme il vento.

     

    no tags

  • 10

    Quanto è breve il sentiero che dal finto amore porta al vero.

     

    Amore

  • 11

    Assai più giova, Che i fervidi consigli, Una lenta prudenza ai gran perigli.

     

    Consigli

  • 12

    Chi può vantarsi Senza difetti? Esaminando i sui - Ciascuno impari a perdonar gli altrui.

     

    no tags

  • 13

    Se a ciascun l'interno affanno si leggesse in fronte scritto, quanti mai, che invidia fanno, ci farebbero pietà.

     

    Invidia

  • 14

    Chi vede il periglio né cerca salvarsi, ragion di lagnarsi del fato non ha.

     

    Fato

  • 15

    Chi vive amante sai che delira; Spesso si lagna, sempre sospira, Né d'altro parla che di morir.

     

    Amanti

  • 16

    Come dell'oro il fuoco Scopre le masse impure. Scoprono le sventure De' falsi amici il cor.

     

    Falsità

  • 17

    Chi vuol goder l'aprile nella stagion severa, rammenti in primavera che il verno tornerà. Per chi fedel seconda così prudente stile, ogni stagione abbonda de' doni che non ha.

     

    no tags

  • 18

    Dovunque il guardo giro, immenso Dio, ti vedo: nell'opre tue t'ammiro, ti riconosco in me.

     

    no tags

  • 19

    Con me nel carcer nero ragiona il prigioniero; si scorda gli affanni e pene, e al suon di sue catene cantando va talor.

     

    no tags

  • 20

    E la necessità gran cose insegna. Per lei fra l'armi dorme il guerriero, Per lei fra l'onde canta il nocchiero, Per lei la morte terror non ha. Fin le più timide bestie fugaci Valor dimostrano, si fanno audaci, Quand'è il combattere necessità.

     

    no tags

  • 21

    È pena troppo barbara sentirsi, oh Dio, morir, e non poter mai dir: morir mi sento!

     

    no tags

  • 22

    Entra l'uomo allor che nasce, in un mar di tante pene, che s'avvezza dalle fasce ogni affanno a sostener.

     

    no tags

  • 23

    Il merto di ubbidir perde chi chiede la ragion del comando.

     

    no tags

  • 24

    Il tempo è infedele a chi ne abusa.

     

    no tags

  • 25

    L'arido legno facilmente s'accende, e più che i verdi rami, avvampa, e splende.

     

    no tags

  • 26

    L'occasion si attenda, e se non giunge nascer la si faccia.

     

    no tags

  • 27

    La meraviglia dell'ignoranza è figlia, e madre del saper.

     

    no tags

  • 28

    Non so se la speranza va con l'inganno unita: so che mantien in vita qualche infelice almen.

     

    Speranza

  • 29

    Non vada un picciol legno a contrastar col vento, a provocar lo sdegno d'un procelloso mar.

     

    no tags

  • 30

    Se Dio veder tu vuoi, guardalo in ogni oggetto; cercalo nel tuo petto, lo troverai con te.

     

    no tags

  • 31

    Piaga d'acuto acciaro sana l'acciaro istesso ed un veleno è spesso riparo all'altro ancor.

     

    no tags

  • 32

    Si spiega assai chi s'arrossisce e tace.

     

    no tags

  • 33

    Tutte l'onde son funeste a chi manca ardire e speme e si vincon le tempeste col saperle tollerar.

     

    no tags

  • 34

    Un bel tacer talvolta, ogni dotto parlar vince d'assai.

     

    no tags

  • 35

    Voce dal sen sfuggita poi richiamar non vale: non si trattien lo strale, quando dall'arco uscì.

     

    no tags

  • 36

    Non è ver che sia la morte Il peggior di tutti i mali; È un sollievo de' mortali che son stanchi di soffrir.

     

    no tags

  • 37

    Agl'infelici difficile è il morir.

     

    no tags

  • 38

    Declina il mondo, e peggiorando invecchia.

     

    no tags

  • 39

    È la fede degli amanti come l'Araba Fenice - che vi sia ciascun lo dice ove sia nessun lo sa.

     

    Amanti

  • 40

    Variano i saggi a seconda de' casi i lor pensieri.

     

    no tags

  • 41

    Dove forza non val, giunga l'inganno.

     

    Inganno

  • 42

    Qualche volta è virtù tacere il vero.

     

    Virtù

  • 43

    Il viver si misura dall'opre e non dai giorni.

     

    no tags

  • 44

    Chi delitto non ha, rossor non sente.

     

    no tags

  • 45

    Non è sempre d'accordo il labbro e il core.

     

    no tags

  • 46

    Debbono i saggi adattarsi alla sorte.

     

    no tags

  • 47

    Senza pietà la giustizia diventa crudeltà. E la misericordia senza giustizia è debolezza.

     

    Giustizia

2017-05-13T07:18:10+02:00