Un viaggio in bicicletta

»»»Un viaggio in bicicletta
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
  • Ciclista - Enzo Benedetto 1926

Complici il rincaro dei carburanti, le campagne di sensibilizzazione sull’inquinamento, o la consapevolezza che pedalare mantiene in forma, negli ultimi decenni la bicicletta è tornata ad avere quel ruolo importante che per centinaia di anni ha accompagnato gli spostamenti di tante generazioni.

E se è vero, come sosteneva  James E. Starrs, che fare “Un giro in bicicletta è una fuga dalla tristezza“, farlo con gli amici, raccontandosi magari qualche aforisma o aneddoto divertente, è sicuramente sinonimo di allegria. Quest’altra pagina invece può essere fonte d’ispirazione, se sulla bicicletta siete soliti declamare frasi d’amore alla vostra dolce metà.

Pur non dimostrandoli, la bicicletta è un veicolo che tra un’idea e l’altra ha circa 500 anni. Il primo disegno di bicicletta, risale al 1490 ed è attribuito  al solito Leonardo da Vinci, il quale trasferì su carta l’idea di un veicolo composto da un telaio (probabilmente in legno) con 2 ruote montate all’estremità.

Alcune tesi, sostengono che per vedere però realizzato concretamente  il primo prototipo, bisognerà aspettare il 1791, quando il Conte de Sivrac, costruì il “Celerifero”, una bicicletta completamente in legno senza manubrio orientabile  e  senza pedali, altre sostengono che il primo vero prototipo è invece del Barone Von Drais, che nel 1817 realizza la “Draisina”, che mantiene il telaio in legno, continua ad essere senza pedali,  ma ha già le ruote in acciaio e soprattutto un manubrio orientabile.

Si parla di tesi, perché pare non ci siano prove inconfutabili che dimostrino la realizzazione del Conte de Sivrac, c’è chi sostiene, che sia una ricostruzione fatta a posteriori dai Francesi che all’epoca rivaleggiavano su qualsiasi cosa  con i Tedeschi .

È  indubbio però che siano i Francesi ad applicare per la prima volta i pedali. A farlo sarà un riparatore di carrozze nel 1861, aggiungendo tra le altre cose i freni, dando origine così al “Velocipede” – quella strana bicicletta con la ruota anteriore altissima.

È’ il caso di dire che da allora, la bicicletta ne ha fatta di strada, mountain bike –  bici elettrica – bici pieghevole, in circolazione ci sono ormai svariati modelli per tutte le necessità, così come sono in aumento  le infrastrutture indirizzate  a questo semplice veicolo: piste ciclabili cittadine ed extra urbane, rastrelliere in ferro per parcheggiare le biciclette, bike sharing  e app dedicate.

Ciò che rimane ancora un po’ spinosa, è la convivenza sulle strade tra ciclisti e automobilisti, che non è sicuramente delle migliori. Ad ogni modo, che pedaliate sull’asfalto o su qualche sentiero di montagna, ricordate di mettere sempre il casco.

 

2018-08-08T07:59:59+00:00Categorie: Attualità|

close-link

close-link