Le Frasi più Belle di Alessandro Manzoni

»»Alessandro Manzoni
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

45 Aforismi e Citazioni di Alessandro Manzoni

  • Alessandro Manzoni Frasi Famose

Breve Biografia di Alessandro Francesco Tommaso Antonio Manzoni

Nome: Alessandro Francesco Tommaso Antonio Manzoni
In Arte: Alessandro Manzoni
Luogo di Nascita: Milano ( Italia )
Data Nascita: 7/3/1785
Data Morte: 22/5/1873
Professione: Scrittore, poeta, drammaturgo.
Premi:


  • 1

    All'avvocato bisogna contare le cose chiare; a lui poi tocca di imbrogliarle.

     

    Avvocato

  • 2

    Ben di rado avviene che le parole affermative e sicure d'una persona autorevole, in qualsivoglia genere, non tingano del loro colore la mente di chi le ascolta.

     

    Parole

  • 3

    Certo non è cosa ragionevole l'opporre la compassione alla giustizia, la quale deve punire anche quando è costretta a compiangere, e non sarebbe giustizia se volesse condonar le pene dei colpevoli al dolore degli innocenti.

     

    Giustizia

  • 4

    Di libri basta uno per volta, quando non è d'avanzo.

     

    Libri

  • 5

    Dio non turba la gioia dei suoi, se non per preparare una cosa più grande.

     

    Dio

  • 6

    Fate del bene a quanti più potete, e vi seguirà tanto più spesso d'incontrare dei visi che vi mettano allegria.

     

    Bene

    Beneficenza

  • 7

    Fu vera Gloria? Ai posteri l'ardua sentenza.

     

    no tags

  • 8

    Gli occhi non davan lacrime, ma portavan segno d'averne sparse tante.

     

    Lacrime

  • 9

    Gli uomini, generalmente parlando, quando l'indignazione non si possa sfogare senza grave pericolo, non solo dimostrano meno, o tengono affatto in sé quello che sentono, ma ne senton meno in effetti.

     

    Uomini

  • 10

    Godo di quell'allegria che non rende gli amici vergognosi l'uno dell'altro, l'indomani.

     

    Amicizia

  • 11

    Gola e vanità, due passioni che crescono con gli anni.

     

    Vanità

  • 12

    I provocatori, i soverchiatori, tutti coloro che, in qualunque modo, fanno torto altrui, sono rei, non solo del male che commettono, ma del pervertimento ancora a cui portano gli animi degli offesi.

     

    no tags

  • 13

    I veri grandi spiriti davanti a Dio sono gli umili, Egli si manifesta più spesso e meglio attraverso la loro ingenua fede anzicchè attraverso la dottrina e gli orgogli degli uomini potenti ed elevati.

     

    Umiltà

  • 14

    Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune.

     

    no tags

  • 15

    Il coraggio uno non se lo può dare.

     

    Coraggio

  • 16

    Il delitto è un padrone rigido e inflessibile, contro cui non divien forte se non chi se ne ribella interamente.

     

    no tags

  • 17

    Il dubbio parziale e accidentale limita la scienza: il dubbio universale e necessario la nega.

     

    Dubbio

  • 18

    Il linguaggio è stato lavorato dagli uomini per intendersi tra loro, non per ingannarsi a vicenda.

     

    Lingua

  • 19

    Il pittore di ritratti è come lo scrivano, obbligato a copiare l'altrui scritto, senza poterlo correggere quando è sbagliato.

     

    Pittura

  • 20

    Il raziocinio è un lume che uno può accendere quando vuole obbligar gli altri a vedere, e può soffiarci sopra, quando non vuol più veder lui.

     

    no tags

  • 21

    Il vero male non è quello che si soffre, ma quello che si fa.

     

    Male

  • 22

    L'operare senza regole è il più faticoso e difficile mestiere di questo mondo.

     

    Regole

  • 23

    L'orgoglio che tacitamente ci fa supporre la nostra superiorità nell'abbassamento degli altri, ci consola de' nostri difetti col pensiero che gli altri ne abbiano de' simili o de' peggiori.

     

    Orgoglio

    Difetti

  • 24

    L'uomo, fin che sta in questo mondo, è un infermo che si trova su un letto scomodo più o meno, e vede intorno a sé altri letti, ben rifatti al di fuori, piani, a livello: e si figura che ci si deve star benone. Ma se gli riesce di cambiare, appena sta accomodato nel nuovo, comincia, pigiando, a sentire, qui una lisca che lo punge, lì un bernoccolo che lo preme: siamo insomma, a un di presso, alla storia di prima.

     

    no tags

  • 25

    La collera aspira a punire: e, come osservò acutamente, a questo stesso proposito, un uomo d'ingegno, le piace più d'attribuire i mali a una perversità umana, contro cui possa far le sue vendette, che di riconoscerli da una causa, con la quale non ci sia altro da fare che rassegnarsi.

     

    no tags

  • 26

    La disgrazia è una visita del Signore; è un dono, una ricchezza, quasi un privilegio.

     

    no tags

  • 27

    La maldicenza rende peggiore chi parla e chi ascolta, e per lo più anche chi n'è l'oggetto.

     

    no tags

  • 28

    La ragione e il torto non si dividono mai con un taglio così netto che ogni parte abbia soltanto dell'una o dell'altro.

     

    Ragione

  • 29

    La storia è una guerra contro il tempo, in quanto chiama a nuova vita fatti ed eroi del passato.

     

    Storia

  • 30

    La vecchiaia è l'età della discrezione.

     

    Vecchiaia

  • 31

    Liberi non sarem se non siamo uni.

     

    Libertà

  • 32

    Meglio agitarsi nel dubbio che riposare nell'errore.

     

    Dubbio

  • 33

    Non rivangare quello che non può servire ad altro che a inquietarti inutilmente.

     

    no tags

  • 34

    Non sempre quello che viene dopo è progresso.

     

    Progresso

  • 35

    Non si può spiegare quanto sia grande l'autorità di un dotto di professione, allorché vuol dimostrare agli altri le cose di cui sono già persuasi.

     

    no tags

  • 36

    Ora sapete come è l'aspettativa: immaginosa, credula, sicura; alla prova poi, difficile, schizzinosa: non trova mai tanto che le basti, perché, in sostanza, non sapeva quello che si volesse.

     

    no tags

  • 37

    Que' prudenti che s'adombrano delle virtù come de' vizi, predicano sempre che la perfezione sta nel mezzo; e il mezzo lo fissan giusto in quel punto dov'essi sono arrivati, e ci stanno comodi.

     

    no tags

  • 38

    Regala un sorriso quando tu hai voglia di piangere.

     

    Sorriso

  • 39

    Se volete aver molti in aiuto, cercate di non averne bisogno.

     

    Aiuto

  • 40

    Si dovrebbe pensare più a far bene che a stare bene: e così si finirebbe anche a star meglio.

     

    Bene

    Beneficenza

  • 41

    Un povero ci vuol poco a farlo comparir birbone.

     

    Povertà

  • 42

    Una delle più gran consolazioni di questa vita è l'amicizia; e una delle consolazioni dell'amicizia è quell'avere a cui confidare un segreto.

     

    Amicizia

  • 43

    Uno dei benefici dell'amicizia è di sapere a chi confidare un segreto.

     

    Amicizia

  • 44

    È men male l'agitarsi nel dubbio, che il riposar nell'errore.

     

    Dubbio

  • 45

    È uno de' vantaggi di questo mondo, quello di poter odiare ed esser odiati, senza conoscersi.

     

    Odio

2017-05-19T17:52:33+02:00