Le Frasi più Belle di Cesarina Vighy

»»Cesarina Vighy
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

22 Aforismi e Citazioni di Cesarina Vighy

Breve Biografia di

Nome:
In Arte:
Luogo di Nascita: ( )
Data Nascita:
Data Morte:
Professione:
Premi:


  • 1

    Anni di quiete che si potrebbero chiamare anni felici se solo sapessimo, mentre la si vive, che quella è la felicità.

     

    Felicità

  • 2

    Fatevi venire o, se lo avete già, coltivate il senso dell'umorismo. C'è tanto da ridere al mondo.

     

    Umorismo

  • 3

    I luoghi comuni sono spesso comuni verità.

     

    no tags

  • 4

    Il corpo non invecchia tutto assieme; è fatto a pezzi e ogni tanto ce ne giochiamo uno.

     

    no tags

  • 5

    In Italia le donne lavorano (eccome!) ma sono ancora lontane dal prestigio, potere e relativo stipendio assegnati di preferenza agli uomini.

     

    Donne

  • 6

    In amore, o tutto o niente.

     

    Amore

  • 7

    L'alcol è un compagno terribile, da cui è difficile staccarsi e che a poco a poco si sostituisce a tutto: donne, lavoro, amore.

     

    no tags

  • 8

    La cosa più stupida da dire a un malato è che lo si trova molto bene, che è una fissazione, che tutti stanno un po' giù ecc. La cosa più triste, invece, è quando non te lo dicono più, anzi non sanno bene che dire.

     

    Malattia

  • 9

    La curiosità è il motore dell'intelligenza, è una robusta stampella con cui sorreggersi, è la porta aperta sulla vita.

     

    Curiosità

  • 10

    La guerra, fra i suoi pochissimi pregi, ha quello di rendere più intelligenti le persone in pericolo.

     

    Guerra

  • 11

    La malattia, cronica e degenerativa, ti dà pure qualcosa: sai distinguere ciò che è importante da ciò che non lo è, sei più sensibile al dolore del mondo, più “intelligente”. Ma non è un grand'affare.

     

    Malattia

  • 12

    La natura è davvero un tempio ecc. ecc. anche se le sue colonne possono essere le zampe di un gatto e persino, miracolo, quelle esilissime di un ragno.

     

    Natura

  • 13

    Non spaventarti: i lupi sono solo cani che hanno fame.

     

    Cani

  • 14

    Ogni collezionismo spinto fino alla mania, dagli innocui francobolli agli inquietanti editti sulle esecuzioni capitali, ha già odore di decomposizione.

     

    no tags

  • 15

    Per chi li ama i libri sono come figli, riconoscibili fra mille copie ingannevolmente uguali, “pezzi 'e core”.

     

    Libri

  • 16

    Per le persone che hanno il gusto della solitudine, essere in un luogo in cui nessuno può collocarti precisamente è una gioia rara: forse sta tutto lì anche il piacere dei viaggi.

     

    Solitudine

  • 17

    Per legge di natura, nessuno è attratto dalle persone di cattivo umore, tanto bisognose di gentilezza e di coccole, riservate invece, e senza nessuna cattiva intenzione, a creature positive, cui non sarebbero così necessarie.

     

    no tags

  • 18

    Più si cresce, meno si capisce: solo lampi nel buio, brandelli di realtà, stracci di verità strappati coi denti.

     

    Verità

  • 19

    Questa chiesa cattolica (l'ultima al mondo a cui mi convertirei) mi scandalizza. Quando sento che vede la vita in un corpo martoriato da diciassette anni di torture terapeutiche o in poveri embrioni tenuti in frigorifero come lattine di birra vicine alla scadenza, mentre nega una speranza a dei disgraziati che la ripongono nelle staminali, mi viene la bava alla bocca.

     

    no tags

  • 20

    Solo i dottori trovano le parole per ingannarti, è questo che imparano all'università, e tu esci dallo studio sollevato ma appena arrivi all'ascensore ti rendi conto che sono balle a pagamento e fai la faccia di Bob Hope quando scopre uno scheletro nell'armadio: lo richiude subito come se niente fosse ma dopo due minuti urla per lo spavento.

     

    Medicina

  • 21

    Terribili i bugiardi in buona fede, e pericolosi, convinti come sono che ogni loro castello in aria sia fatto in realtà di solida muratura.

     

    Menzogna

  • 22

    Tutti i poeti sono mistici, perché hanno a disposizione la terra e il cielo con cui giocare e una religione da officiare: quella, appunto, della poesia.

     

    no tags

2017-05-01T05:48:59+02:00