Le Frasi più Belle di Francesco Algarotti

»»Francesco Algarotti
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

25 Aforismi e Citazioni di Francesco Algarotti

Breve Biografia di

Nome:
In Arte:
Luogo di Nascita: ( )
Data Nascita:
Data Morte:
Professione:
Premi:


  • 1

    Avviene assai volte, che moltiplicando i mezzi per arrivare ad un medesimo fine ci si arrivi più difficilmente.

     

    Difficoltà

  • 2

    Buona parte della felicità nostra sta nella distrazione da noi medesimi.

     

    Felicità

  • 3

    Chi non sa viver solo morirà in compagnia.

     

    Vivere

  • 4

    Col proprio naturale convien fare come col cavallo che hai sotto, dare e togliere, secondarlo e correggerlo.

     

    no tags

  • 5

    Gli uomini mediocri fanno ragione del merito delle persone dalle pulitezze che ne ricevono: gli uomini superiori dovrebbono far ragione del proprio merito dalle impulitezze, che non sono altro che la misurai dell'altrui invidia.

     

    Superiorità

  • 6

    I filosofi non sono meno fastidiosi, e niente meno da temere dei gelosi; con quel loro volere guardare le cose tanto per sottile, gli uni cercano di distruggere la virtù, e gli altri la bellezza.

     

    Filosofia

  • 7

    Il cuore dell'uomo non è capace che di una certa quantità di piaceri; lo spirito di una certa quantità di cognizioni, e non più: come l'acqua, che non può disciogliere che una. certa dose di sale.

     

    Spirito

  • 8

    Il gusto non si potrebbe egli definire il risultato della dottrina delle proporzioni nella geometria dello spirito?

     

    Spiritualità

  • 9

    Il mondo è una scena che i filosofi ne fanno vedere di giorno, e si suol vederla illuminata di notte.

     

    Mondo

  • 10

    Il solo frutto che gli uomini cavano dalla ignoranza è che possono essere superbi.

     

    Ignoranza

  • 11

    L'uomo non pensa mai all'avvenire, se non quando gli dà noja il presente.

     

    no tags

  • 12

    La critica è venefica e benefica.

     

    no tags

  • 13

    La donna non pone tanto studio nel vestirsi se non perché l'uomo viemeglio desideri di vederla spogliata.

     

    Donne

  • 14

    La falsa letteratura è peggiore assai dell'ignoranza. Meglio è non si muover di luogo che far cammino e aver smarrito la via.

     

    Ignoranza

  • 15

    La gelosia ha da entrar nell'amore, come nelle vivande la noce moscata. Ci ha da essere, ma non si ha da sentire.

     

    Gelosia

  • 16

    La ignoranza dell'uno è la misura della scienza dell'altro.

     

    Ignoranza

  • 17

    La solitudine è la dieta dell'anima. Disse sensatamente non so chi.

     

    Solitudine

  • 18

    Le donne settentrionali sono come le loro aurore boreali: risplendono, e non riscaldano.

     

    Donne

  • 19

    Lo stile più semplice, e che conviene più comunemente usare, è di tutti il più difficile; come tra tutte le biade la più delicata è quella, che richiede dall'uomo il più di fatica e di studio.

     

    Difficoltà

  • 20

    Meglio è non si muover di luogo che far cammino e aver smarrito la via.

     

    Strada

  • 21

    Molti vanno a Parigi e pochi ci sono stati.

     

    no tags

  • 22

    Quanti uomini non si hanno in pregio, quante donne non si dicon belle, per quello che non è loro? Togli via gli accompagnamenti dalle ariette di musica; e vedrai quello che sono.

     

    Essere

  • 23

    Sotto alle più belle azioni ci è la vanità, come sotto a' più bei ricami ci è lo spago.

     

    Vanità

  • 24

    Un uomo ricco e superbo sicuramente è uno sciocco; un uomo superbo e povero d'ordinario è un uomo di spirito.

     

    no tags

  • 25

    È stato detto, che il più pazzo popolo del mondo sarebbe un popolo di savi, come il più cattivo esercito sarebbe un esercito di capitani.

     

    no tags

2017-05-06T12:52:52+02:00