Le Frasi più Belle di Michail Lermontov

»»Michail Lermontov
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

11 Aforismi e Citazioni di Michail Lermontov

Breve Biografia di Mikhail Yurievich Lermontov

Nome: Mikhail Yurievich Lermontov
In Arte:
Luogo di Nascita: ( )
Data Nascita:
Data Morte:
Professione:
Premi:


  • 1

    Il male genera il male; la nostra prima sofferenza crea l'idea del piacere di tormentare un altro. L'idea del male non può entrare nella testa dell'uomo senza che egli desideri tradurlo in pratica.

     

    Male

  • 2

    L'amore di una selvaggia vale poco di più di quello di una signora dell'alta società: l'ignoranza e la semplicità dell'una vengono altrettanto a noia della civetteria dell'altra.

     

    Ignoranza

  • 3

    L'amore platonico è il più travagliato.

     

    Amore

  • 4

    L'amore è come il fuoco: senz'alimento si spegne.

     

    Amore

  • 5

    Le donne amano soltanto coloro che non conoscono.

     

    Donne

  • 6

    Le passioni non sono altro che idee al loro primo grado di sviluppo: esse sono un attributo della giovinezza del cuore ed è uno stupido chi pensa che sarà agitato da esse per tutta la vita: molti placidi fiumi cominciano con fragorose cascate, mentre nessuno ribolle e spumeggia fino al mare.

     

    Passione

  • 7

    Quell'inquieta necessità d'amore che ci tormenta nei primi anni della giovinezza, che ci getta da una donna all'altra, finché non ne troviamo una che non ci può soffrire: a questo punto ha inizio la nostra perseveranza, la vera passione infinita, che si può esprimere con una linea che si protende da un punto verso lo spazio; il segreto di questa infinità consiste soltanto nell'impossibilità di raggiungere lo scopo, cioè la fine.

     

    Amore

  • 8

    Sovente inganniamo noi stessi pensando che la donna ci ami per le nostre doti fisiche o morali; certamente esse preparano, predispongono il loro cuore ad accogliere il sacro fuoco, ma è tuttavia il primo contatto che decide la faccenda.

     

    Amore

  • 9

    Stupidità e perfidia a contemplare! Ecco su che si volge il mondo!

     

    Stupidità

    Contemplazione

  • 10

    Suscitare nei propri confronti un sentimento di amore, di dedizione e di paura non è forse il primo segno e il più grande trionfo del potere? Essere per qualcuno causa di sofferenze e di gioie, pur non avendone alcun positivo diritto, non è forse l'alimento più dolce del nostro orgoglio? E che cos'è mai la felicità? Orgoglio soddisfatto.

     

    Orgoglio

  • 11

    Non c’è niente di più paradossale della mente femminile; è difficile convincere le donne di qualcosa, bisogna condurle a convincersene da sole.

     

    Paradosso

2018-08-03T16:25:01+02:00