Le Frasi più Belle di Primo Levi

»»Primo Levi
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

33 Aforismi e Citazioni di Primo Levi

Breve Biografia di

Nome:
In Arte:
Luogo di Nascita: ( )
Data Nascita:
Data Morte:
Professione:
Premi:


  • 1

    A molti, individui o popoli, può accadere di ritenere, più o meno consapevolmente, che «ogni straniero è nemico». Per lo più questa convinzione giace in fondo agli animi come una infezione latente; si manifesta solo in atti saltuari e incoordinati, e non sta all'origine di un sistema di pensiero. Ma quando questo avviene, quando il dogma inespresso diventa premessa maggiore di un sillogismo, allora, al termine della catena, sta il Lager.

     

    Nemico

  • 2

    Accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso.

     

    no tags

  • 3

    Auschwitz è fuori di noi, ma è intorno a noi, è nell'aria.

     

    no tags

  • 4

    C'è Auschwitz, quindi non può esserci Dio.

     

    no tags

  • 5

    Chi non lo sa che i più grandi amici degli animali, i più bravi a comprenderli e ad esserne compresi, sono proprio i solitari?

     

    no tags

  • 6

    Devo dire che l'esperienza di Auschwitz è stata tale per me da spazzare qualsiasi resto di educazione religiosa che pure ho avuto.

     

    no tags

  • 7

    Di fronte al bisogno e al disagio fisico assillanti, molte consuetudini e molti istinti sociali sono ridotti al silenzio.

     

    no tags

  • 8

    Distruggere l'uomo è difficile, quasi quanto crearlo.

     

    no tags

  • 9

    Dopo Auschwitz non si può più fare poesia se non su Auschwitz.

     

    no tags

  • 10

    I Greci dicevano di una persona incolta: -Non sa leggere né nuotare-; oggi bisognerebbe aggiungere: -né usare un elaboratore-.

     

    no tags

  • 11

    Il Lager è la fame.

     

    no tags

  • 12

    In ogni gruppo umano esiste una vittima predestinata: uno che porta pena, che tutti deridono, su cui nascono dicerie insulse e malevole, su cui, con misteriosa concordia, tutti scaricano i loro mali umori e il loro desiderio di nuocere.

     

    no tags

  • 13

    In questa nostra epoca fragorosa e cartacea, piena di propaganda aperta e di suggestioni occulte, di retorica macchinale, di compromessi, di scandali e di stanchezza, la voce della verità, anziché perdersi, acquista un timbro nuovo, un risalto più nitido.

     

    Verità

  • 14

    La facoltà umana di scavarsi una nicchia, di secernere un guscio, di erigersi intorno una tenue barriera di difesa, anche in circostanze apparentemente disperate, è stupefacente, e meriterebbe uno studio approfondito. Si tratta di un prezioso lavorio di adattamento, in parte passivo e inconscio, e in parte attivo.

     

    no tags

  • 15

    La nostra personalità è fragile, è molto più in pericolo che non la nostra vita; e i savi antichi, invece di ammonirci «ricordati che devi morire», meglio avrebbero fatto a ricordarci questo maggior pericolo che ci minaccia.

     

    Personalità

  • 16

    La persuasione che la vita ha uno scopo è radicata in ogni fibra di uomo, è una proprietà della sostanza umana.

     

    Vita

  • 17

    Le leggi razziali furono provvidenziali per me, ma anche per gli altri: costituirono la dimostrazione per assurdo della stupidità del fascismo.

     

    Fascismo

  • 18

    Le tre parole della derisione: -Arbeit macht frei-, -Il lavoro rende liberi-.

     

    Lavoro

  • 19

    Meglio astenersi dal governare il destino degli altri, dal momento che è già difficile ed incerto pilotare il proprio.

     

    Destino

  • 20

    Nella storia e nella vita pare talvolta di discernere una legge feroce, che suona «a chi ha, sarà dato; a chi non ha, a quello sarà tolto». Nel Lager, dove l'uomo è solo e la lotta per la vita si riduce al suo meccanismo primordiale, la legge iniqua è apertamente in vigore, è riconosciuta da tutti.

     

    no tags

  • 21

    Non esistono problemi che non possano essere risolti attorno ad un tavolo, purché ci sia volontà buona e fiducia reciproca; o anche paura reciproca.

     

    Problemi

  • 22

    Parte del nostro esistere ha sede nelle anime di chi ci accosta: ecco perché è non-umana l'esperienza di chi ha vissuto giorni in cui l'uomo è stato una cosa agli occhi dell'uomo.

     

    no tags

  • 23

    Pochi sono gli uomini che sanno andare a morte con dignità, e spesso non quelli che ti aspetteresti.

     

    Morte

  • 24

    Quando c'è la guerra, a due cose bisogna pensare prima di tutto: in primo luogo alle scarpe, in secondo alla roba da mangiare; e non viceversa, come ritiene il volgo: perché chi ha le scarpe può andare in giro a trovar da mangiare, mentre non vale l'inverso.

     

    Scarpe

  • 25

    Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario.

     

    Conoscenza

  • 26

    Se dall'interno dei Lager un messaggio avesse potuto trapelare agli uomini liberi, sarebbe stato questo: fate di non subire nelle vostre case ciò che a noi viene inflitto qui.

     

    no tags

  • 27

    Se non altro per il fatto che un Auschwitz è esistito, nessuno dovrebbe ai nostri giorni parlare di Provvidenza: ma è certo che in quell'ora il ricordo dei salvamenti biblici nelle avversità estreme passò come un vento per tutti gli animi.

     

    no tags

  • 28

    Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l'amare il proprio lavoro, costituisce la migliore approssimazione concreta della felicità sulla terra.

     

    Lavoro

  • 29

    Spesso chi pensa non è sicuro di pensare, il suo pensiero ondeggia fra l'accorgersi e il sognare, gli sfugge di tra le mani, rifiuta di lasciarsi afferrare e configgere sulla carta in forma di parole. Ma invece chi soffre sì, chi soffre è ahimè sicuro sempre, sicuro di soffrire ed ergo di esistere.

     

    Pensare

  • 30

    Tutte le ragazze sono strane, o per un verso o per un altro, e se una non è strana vuol dire che è ancora più strana delle altre.

     

    no tags

  • 31

    Tutti coloro che dimenticano il loro passato, sono condannati a riviverlo.

     

    Passato

  • 32

    Tutti scoprono, più o meno presto nella loro vita, che la felicità perfetta non è realizzabile, ma pochi si soffermano invece sulla considerazione opposta: che tale è anche una infelicità perfetta. I momenti che si oppongono alla realizzazione di entrambi i due stati-limite sono della stessa natura: conseguono dalla nostra condizione umana, che è nemica di ogni infinito.

     

    Felicità

  • 33

    È dell'uomo operare in vista di un fine: la strage di Auschwitz, che ha distrutto una tradizione ed una civiltà, non ha giovato a nessuno.

     

    no tags

2017-05-06T13:27:07+02:00