Le Frasi più Belle di Erich Fromm

»»Erich Fromm
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

59 Aforismi e Citazioni di Erich Fromm

  • Erich Fromm frasi celebre psicanalista

Breve Biografia di Erich Seligmann Fromm

Nome: Erich Seligmann Fromm
In Arte:
Luogo di Nascita: Francoforte sul Meno ( Germania )
Data Nascita: 23/3/1900
Data Morte: 18/3/1980
Professione: Psicoanalista
Premi:


  • 1

    Al di là dell'elemento del dare, il carattere attivo dell'amore diviene evidente nel fatto che si fonda sempre su certi elementi comuni a tutte le forme d'amore. Questi sono: la premura, la responsabilità, il rispetto e la conoscenza.

     

    Amore

  • 2

    Al pari del buddhismo, il socialismo è stato un movimento di massa -religioso-, il quale, pur parlando in termini secolari e atei, mirava alla liberazione dell'umanità dall'egoismo e dalla brama di possesso.

     

    no tags

  • 3

    Amare qualcuno non è solo un forte sentimento, è una scelta, una promessa, un impegno.

     

    Amore

  • 4

    Amare significa affidarsi completamente, incondizionatamente, nella speranza che il nostro amore desterà amore nella persona amata. Amare è un atto di fede, e chiunque abbia poca fede avrà anche poco amore.

     

    Amore

  • 5

    Chi ama davvero ama il mondo intero, non soltanto un individuo particolare.

     

    Amore

  • 6

    Dalla nascita alla morte, dal lunedì alla domenica, da mattina a sera, tutte le attività sono organizzate e prestabilite. Come potrebbe un uomo prigioniero nella ragnatela della routine ricordarsi che è un uomo, un individuo ben distinto, uno al quale è concessa un'unica occasione di vivere, con speranze e delusioni, dolori e timori, col desiderio di amare e il terrore della solitudine e del nulla?

     

    Delusione

    Speranza

  • 7

    Dare dà più gioia che ricevere, non perché è privazione, ma perché in quell'atto mi sento vivo.

     

    no tags

  • 8

    Finché ciascuno aspira ad avere di più, non potranno che formarsi classi, non potranno che esserci scontri di classe e, in termini globali, guerre internazionali. Avidità e pace si escludono a vicenda.

     

    no tags

  • 9

    Gli studenti e quanto viene loro insegnato rimangono estranei tra loro, a parte il fatto che ognuno degli studenti è divenuto il proprietario di un insieme di affermazioni fatte da qualcun altro.

     

    no tags

  • 10

    I consumatori moderni possono etichettare sé stessi con questa formula: io sono = ciò che ho e ciò che consumo.

     

    no tags

  • 11

    Il consumatore è un eterno lattante che strilla per avere il poppatoio: una condizione che assume ovvia evidenza in fenomeni patologici come l'alcolismo e l'assuefazione alle droghe.

     

    no tags

  • 12

    Il desiderio di compiere l'esperienza dell'unione con altri si manifesta anche nelle più basse forme di comportamento, a esempio negli atti di sadismo e distruzione, non meno che nelle forme supreme, come la solidarietà fondata su un ideale o su una convinzione.

     

    Solidarietà

  • 13

    Il principale compito dell'uomo nella vita è dare alla luce sé stesso.

     

    Essere

  • 14

    Il rapporto tra madre e figlio è paradossale e, per un senso, tragico. Richiede il più intenso amore da parte della madre, e tuttavia questo stesso amore deve aiutare il figlio a staccarsi dalla madre e a diventare indipendente.

     

    Mamma

  • 15

    Il rivoluzionario che ha successo è uno statista, quello che non ha successo un criminale.

     

    Rivoluzione

  • 16

    In ogni attività spontanea l'individuo abbraccia il mondo.

     

    Abbracci

  • 17

    Innamorarsi, l'imprevista caduta delle barriere che esistevano fino a quel momento fra due estranei.

     

    Amore

  • 18

    L'amore immaturo dice: ti amo perché ho bisogno di te. L'amore maturo dice: ho bisogno di te perché ti amo.

     

    Amore

  • 19

    L'amore infantile segue il principio: amo perché sono amato. L'amore maturo segue il principio: sono amato perché amo. L'amore immaturo dice: ti amo perché ho bisogno di te. L'amore maturo dice: ho bisogno di te perché ti amo.

     

    Amore

  • 20

    L'amore è un potere attivo dell'uomo; un potere che annulla le pareti che lo separano dai suoi simili, che gli fa superare il senso d'isolamento e di separazione, e tuttavia gli permette di essere sé stesso e di conservare la propria integrità.

     

    Amore

  • 21

    L'atteggiamento implicito nel consumismo è quello dell'inghiottimento del mondo intero.

     

    no tags

  • 22

    L'atto di disubbidienza, in quanto atto di libertà, è l'inizio della ragione.

     

    no tags

  • 23

    L'avidità è un pozzo senza fondo, che esaurisce la persona nello sforzo incessante di soddisfare il bisogno senza mai raggiungere la soddisfazione.

     

    no tags

  • 24

    L'egoismo è una forma di avidità. Come ogni forma di avidità, è insaziabile, per cui non c'è mai una vera soddisfazione.

     

    Egoismo

  • 25

    L'incapacità di agire spontaneamente, di esprimere quel che veramente si sente e si pensa, è la conseguente necessità di presentare uno pseudo io agli altri e a se stessi, sono la radice del sentimento di inferiorità e di debolezza.

     

    no tags

  • 26

    L'incertezza è la condizione perfetta per incitare l'uomo a scoprire le proprie possibilità.

     

    no tags

  • 27

    L'unico modo per conoscere profondamente un essere è l'atto di amore; questo atto supera il pensiero, supera le parole. È il tuffo ardito nell'esperienza dell'unione.

     

    Amore

  • 28

    L'uomo crede di volere la libertà. In realtà ne ha una grande paura. Perché? Perché la libertà lo obbliga a prendere delle decisioni, e le decisioni comportano rischi.

     

    Libertà

  • 29

    L'uomo moderno pensa di perdere qualcosa del tempo quando non fa le cose in fretta; però non sa che fare del tempo che guadagna, tranne ammazzarlo.

     

    Tempo

  • 30

    L'uomo moderno, liberato dalle costrizioni della società preindividualistica, che al tempo stesso gli dava sicurezza e lo limitava, non ha raggiunto la libertà nel senso positivo di realizzazione del proprio essere: cioè di espressione delle sue potenzialità intellettuali emotive e sensuali. Pur avendogli portato indipendenza e razionalità, la libertà lo ha reso isolato e, pertanto, ansioso e impotente.

     

    Libertà

  • 31

    L'uomo muore sempre prima di essere completamente nato.

     

    Uomini

  • 32

    L'uomo non vende solo merci: vende sé stesso e si considera una merce.

     

    no tags

  • 33

    L'uomo è l'unico animale per il quale la sua stessa esistenza è un problema che deve risolvere.

     

    no tags

  • 34

    La democrazia può resistere alla minaccia autoritaria soltanto a patto che si trasformi, da -democrazia di spettatori passivi-, in -democrazia di partecipanti attivi-, nella quale cioè i problemi della comunità siano familiari al singolo e per lui importanti quanto le sue faccende private.

     

    Democrazia

  • 35

    La felicità dell'uomo moderno: guardare le vetrine e comprare tutto quello che può permettersi, in contanti o a rate.

     

    Felicità

  • 36

    La libertà positiva consiste nell'attività spontanea della personalità totale.

     

    Libertà

  • 37

    La modalità dell'esistenza secondo l'avere non è stabilita da un processo vivente, produttivo, tra soggetto e oggetto; essa rende cose sia il soggetto che l'oggetto. Il rapporto è di morte, non di vita.

     

    no tags

  • 38

    La razionalizzazione non è uno strumento per penetrare la realtà, ma un tentativo a posteriori di armonizzare i propri desideri con la realtà esistente.

     

    no tags

  • 39

    La religione è nulla. Vivere religiosamente è tutto. Ciò che intendo per vivere religiosamente è ciò che pensavano i profeti, ciò che Gesù pensava: fare ciò che è giusto, dire la verità, amare il prossimo tuo come te stesso. Questo è tutto.

     

    Religione

  • 40

    Morire è tremendo, ma l'idea di morire senza aver vissuto è insopportabile.

     

    Morte

  • 41

    Nel capitalismo l'attività economica, il successo, i guadagni materiali diventano fini in se stessi. Diventa destino dell'uomo contribuire allo sviluppo del sistema economico, accumulare il capitale non per la propria felicità o salvezza, ma come fine in sé. L'uomo diventa un semplice ingranaggio dell'immensa macchina economica.

     

    no tags

  • 42

    Nel nostro tempo, le principali via sociali in fuga sono la sottomissione a un capo, come è accaduto nei paesi fascisti, e il conformismo ossessivo, che prevale nella nostra democrazia.

     

    Potere

  • 43

    Nella civiltà occidentale contemporanea, l'unione col gruppo è la maniera più frequente per superare l'isolamento. È un'unione in cui l'individuo si annulla in una vasta comunità, e il suo scopo è quello di far parte del gregge. Se io sono uguale agli altri, sia nelle idee che nei costumi, non posso avere la sensazione di essere diverso. Sono salvo: salvo dal terrore della solitudine. Il sistema dittatoriale si vale di minacce e di terrore per ottenere questa uniformità; i paesi democratici, di suggestione e propaganda.

     

    no tags

  • 44

    Non c'è nulla di più accattivante e convincente della spontaneità, sia che la si trovi nel bambino, o nell'artista, sia che la si trovi in quegli individui che non rientrano per età o professione in questi due gruppi.

     

    no tags

  • 45

    Non si può giudicare solo dal punto di vista politico ed economico se un sistema economico e politico sia tale da promuovere la causa della libertà umana. Il solo criterio per misurare il grado in cui la libertà venga realizzata è l'esistenza o meno di una partecipazione attiva dell'individuo alla determinazione della sua vita e di quella della società, e questo non solo attraverso l'atto formale del votare, ma anche nella sua attività quotidiana, nel suo lavoro e nei suoi rapporti con gli altri.

     

    Libertà

  • 46

    Paradossalmente, la capacità di stare soli è la condizione prima per la capacità d'amare.

     

    Amore

  • 47

    Per quanto meno infami dei meri sadici, i burocrati sono più pericolosi, perché in loro non c'è neppure un conflitto tra coscienza e dovere: la loro coscienza consiste nel compiere il proprio dovere; e ai loro occhi, gli esseri umani quali oggetti di empatia e compassione, semplicemente non esistono.

     

    Burocrazia

  • 48

    Rinunciare alla spontaneità e all'individualità significa soffocare la vita.

     

    no tags

  • 49

    Se due persone che erano estranee lasciano improvvisamente cadere la parete che le divideva, e si sentono vicine, unite, questo attimo di unione è una delle emozioni più eccitanti della vita.

     

    no tags

  • 50

    Se le qualità che uno ha, non servono, egli non ne possiede alcuna.

     

    Qualità

  • 51

    Sembra un paradosso, ma nell'amore due esseri diventano uno, e tuttavia restano due.

     

    Amore

    Paradosso

  • 52

    Senza amore, l'umanità non sopravvivrebbe un solo giorno.

     

    Amore

  • 53

    Si può dire che la maggior parte degli uomini diventano come la società desidera che essi siano per avere successo. La società fabbrica tipi umani così come fabbrica tipi di scarpe o di vestiti o di automobili: merci di cui esiste una domanda.

     

    Società

  • 54

    Solo chi ha fede in sé stesso può essere fedele agli altri.

     

    Fedeltà

  • 55

    Solo le qualità che sorgono dalla nostra attività spontanea danno forza all'io e formano per tanto la base della sua integrità. L'incapacità di agire spontaneamente, di esprimere quel che veramente si sente e si pensa, è la conseguente necessità di presentare uno pseudo io agli altri e a se stessi, sono la radice del sentimento di inferiorità e di debolezza.

     

    no tags

  • 56

    Vivere bene è un'arte che va imparata. Imparare quest'arte richiede fatica e dedizione, comprensione e pazienza, ma costituisce tuttavia la cosa più importante da apprendere.

     

    Vivere

  • 57

    Vivere significa nascere ad ogni istante. La morte subentra quando il processo della nascita cessa.

     

    Vivere

  • 58

    Viviamo in un mondo di cose e il nostro unico legame con loro è che sappiamo come manipolarle o consumarle.

     

    Vivere

  • 59

    La produzione deve servire ai bisogni reali degli uomini, non alle esigenze dei sistema economico; tra gli uomini e la natura deve crearsi un nuovo rapporto, di collaborazione anziché di sfruttamento; il reciproco antagonismo deve essere sostituito dalla solidarietà.

     

    Solidarietà

2017-09-06T14:35:09+02:00