Le Frasi più Belle di Georges Ivanovič Gurdjieff

»»Georges Ivanovič Gurdjieff
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

21 Aforismi e Citazioni di Georges Ivanovič Gurdjieff

  • Georges Gurdjieff celebre scrittore armeno

Breve Biografia di Georges Ivanovič Gurdjieff

Nome: Georges Ivanovič Gurdjieff
In Arte: Georges Gurdjieff
Luogo di Nascita: Gyumri ( Armenia )
Data Nascita: 13/1/1866
Data Morte: 29/10/1949
Professione: Filosofo, scrittore, maestro di danze
Premi:


  • 1

    Vi lascio in un bel casino! (ultime parole di Gurdjieff in punto di morte)

     

    no tags

  • 2

    Non parlare mai di te senza concederti la possibilità di cambiare.

     

    no tags

  • 3

    Se aiuti gli altri, verrai aiutato. Forse domani, forse tra un centinaio d'anni, ma verrai aiutato. La natura deve pagare il debito. È una legge matematica e tutta la vita è matematica.

     

    Aiuto

  • 4

    Un ragazzino provò un immenso dispiacere nel trovare la sua tartaruga a pancia all'aria, immobile e senza vita accanto allo stagno. Suo padre fece del suo meglio per consolarlo: "Non piangere, figliolo. Prepareremo un bel funerale per la signora Tartaruga; le costruiremo una piccola bara tutta foderata di seta e chiederemo al becchino di porre sulla tomba una lapide con inciso il nome della signora Tartaruga. Poi le porteremo ogni giorno dei fiori freschi e porremo tutt'intorno un piccolo steccato". Il bambino si asciugò gli occhi e si dichiarò entusiasta dell'idea. Quando tutto fu pronto, il padre, la madre, la cameriera e il bambino in testa partirono in corteo marciando con aria solenne verso la stagno dov'era la morta. Ma questa era scomparsa. All'improvviso scorsero la signora Tartaruga che emergeva dal fondale del laghetto, nuotando allegramente. Il piccolo fissò la sua amica in preda a profonda delusione ed esclamò: "Uccidiamola".

     

    Morte

  • 5

    Non può dirsi civile un paese in cui esista l'informazione.

     

    no tags

  • 6

    Tratto caratteristico dell'uomo raffinato è la sua capacità di recitare alla perfezione qualsiasi parte voglia nella sua vita esteriore, mentre interiormente si mantiene libero.

     

    no tags

  • 7

    Eh sì, caro professore, il sapere e la comprensione sono due cose completamente differenti. Soltanto la comprensione può portare all’essere. Il sapere di per sé stesso non ha che una presenza passeggera: un nuovo sapere caccia via il precedente, e, in fin dei conti, non è altro che del nulla versato nel vuoto.

     

    no tags

  • 8

    Ti chiedo di non credere a nulla che non puoi verificare in prima persona.

     

    Verità

  • 9

    Prima di qualunque cambiamento poniti queste semplici domande: 1) Perché sono qui? 2) Vale la pena di restare?

     

    Cambiamento

  • 10

    L’evoluzione può essere necessaria soltanto a colui che si renda conto della sua situazione e della possibilità di cambiarla, e si renda conto che ha dei poteri che non usa e delle ricchezze che non vede. Ed è nel senso della presa di possesso di questi poteri e di queste ricchezze che l’evoluzione è possibile.

     

    no tags

  • 11

    Il più grande errore è credere che l’uomo abbia un’unità permanente. Un uomo non è mai uno. Continuamente egli cambia. Raramente rimane identico, anche per una sola mezz’ora.

     

    Cambiamento

  • 12

    Al di fuori delle agitazioni della vita esiste qualcos’altro che dovrebbe essere lo scopo e l’ideale di ogni uomo più o meno capace di pensare - e che questo ‘altro’ soltanto può rendere l’uomo veramente felice e offrirgli dei valori reali, invece di quei ‘beni’ illusori che, nella vita comune, gli vengono prodigati sempre e dovunque.

     

    no tags

  • 13

    Una percentuale considerevole della gente che incontriamo per via è vuota dentro, cioè, in realtà è già morta. È una fortuna per noi che non lo vediamo e non lo sappiamo. Se sapessimo quante di queste persone sono in realtà morte e quante di queste persone morte governano le nostre vite, impazziremmo dall'orrore.

     

    no tags

  • 14

    E' riduttivo parlare di magia nera, bianca, rossa, etc... Non vi è, infatti, né magia rossa, né verde né gialla. Vi è "fare". Solo "il fare" è magico ". ... E Solo colui che può "Essere" può anche "Fare " ... Tuttavia l'illusione suprema dell'uomo è la sua convinzione di poter fare. tutti pensano di poter fare, ... , ma nessuno fa niente. Tutto gli accade.

     

    Destino

  • 15

    Tutto dipende da tutto, tutte le cose sono collegate, non vi è niente di separato. Tutti gli avvenimenti seguono dunque il solo cammino che possono prendere. Se le persone potessero cambiare, tutto potrebbe cambiare. Ma esse sono quelle che sono, e di conseguenza le cose, anche esse sono quelle che sono

     

    no tags

  • 16

    Si racconta che un giorno due studenti della Via stavano discutendo dell'essere umano. Il primo diceva: 'L'uomo perviene alla Verità attraverso la ricerca e gli sforzi personali. Dalla sua ignoranza iniziale, egli si eleva per gradi fino alla conoscenza.' Il secondo diceva: 'L'uomo perviene alla verità solo se è guidato da maestri esperti.' I due uomini vennero quasi alle mani, ed erano ben lontani dall'aver trovato una soluzione alle loro divergenze, quando passò un vero Maestro. E così, decisero di sottoporre il loro litigio al suo arbitrio. 'Volete che mi pronunci su questo problema?', chiese il Maestro. 'Sì, per favore!', lo esortarono. 'Va bene... avete mai visto due cani litigare per un osso?' 'Sì, naturalmente!', dissero all'unisono. 'E avete mai visto l'osso prender parte alla disputa? Pensateci'.

     

    no tags

  • 17

    l'uomo, come tutte le altre creature viventi, è sostanzialmente un trasformatore di energia che verrà riassorbito a suo tempo nel substrato indifferenziato dell'ecologia cosmica.... tuttavia, a differenza di altre creature, egli può scegliere se partecipare a tutto ciò in maniera ATTIVA oppure passiva

     

    no tags

  • 18

    [... ]il sesso è la nostra principale fonte di schiavitù ma anche la nostra principale possibilità di liberazione.

     

    no tags

  • 19

    Ricordati che sei venuto qui perchè hai capito la necessità di lottare contro te stesso e soltanto contro te stesso. Sii Grato dunque a tutti coloro che te ne forniscano l'occasione

     

    no tags

  • 20

    Dio è uno per tutti, Ma è trino. Gli uomini sbagliano, poiché è settuplo. Nella sua totalità è unisono. Nella sua divisione è contraddittorio. Egli è ovunque in tutte le forme. Quando gli uomini lo vedono dipende dalle loro qualità Quale parte essi toccano. Ma chi tocca, se è ignorante, Vede nella parte che tocca, tutto di sé

     

    Dio

  • 21

    Se aiuti gli altri, verrai aiutato. Forse domani, forse tra un centinaio d’anni, ma verrai aiutato. La natura deve pagare il debito. È una legge matematica e tutta la vita è matematica.

     

    Solidarietà

2017-09-27T09:17:33+02:00