139 Aforismi Citazioni e Frasi Celebri di Madre Teresa di Calcutta

Frasi famose Madre Teresa di Calcutta

☰ Biografia...

Nome: Anjëzë Gonxhe Bojaxhiu
In Arte: Madre Teresa di Calcutta
Luogo di Nascita: Skopje ( Repubblica di Macedonia )
Data Nascita: 26/8/1910
Data Morte: 5/9/1997
Professione: Religiosa, Missionaria
Premi: Premio Nobel per la pace

Poesie, Preghiere, Aforismi e frasi sulla famiglia, Pensieri sulla Vita e sulla Morte, ma anche le famose frasi di madre Teresa di Calcutta sui bambini fanno ormai parte della storia di questo personaggio, così come le sue celebri frasi sul sacrificio.

Scopriamo in questa breve biografia la vita della Santa Albanese.

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Anjezë Gonxhe Bojaxhiu, è stata una suora di fede cattolica, nata a Skopje in Albania il 26 agosto del 1910 e morta a Calcutta in India nel 1997.
Può essere considerata uno dei personaggi più conosciuti e amati del XX secolo nonché una beata e nel 2016 sarà proclamata anche santa, in quanto è stato riconosciuto il miracolo di una guarigione che non ha spiegazioni scientifiche di una signora indiana affetta da cancro terminale.
La sua vita è stata dedicata interamente all’aiuto dei “più poveri tra i poveri” nelle zone più malfamate di Calcutta e di altri distretti dell’India, dove negli anni sono sorti centri di accoglienza che fanno capo alla congregazione delle Missionarie della Carità, da lei stessa fondata.
Ha trascorso la sua infanzia nella città di Skopje in una famiglia kosovara in buone condizioni economiche. Purtroppo a soli 8 anni perde il padre e la stessa famiglia va avanti tra mille difficoltà per la mancanza di un sostentamento.
Il resto dell’infanzia la vede molto legata alla vicina parrocchia del Sacro Cuore, dove era impegnata nel coro, ma anche nella solidarietà e l’aiuto verso le persone più bisognose e in altre attività e iniziative della chiesa. E’ proprio in questo contesto che comincia a sentir parlare dei missionario in India, in particolare dei Gesuiti che operavano nel Bengala.
Appena diciottenne capisce di avere ricevuto la chiamata alla vocazione monacale e nel 1928 entra a far parte dell’ordine delle Suore di Loreto, che erano proprio destinate alle missioni in India. Prima di partire dovette studiare sia a Parigi che a Dublino la lingua inglese e raggiungere il livello di novizia.
Dopo un anno finalmente si ritrova in India, dove trascorre un primo breve periodo proprio in quella che diventerà la città dove trascorrerà la sua vita da missionaria: Calcutta.

Puoi trovare Calcutta in tutto il mondo – se hai occhi per vedere – dovunque ci sono i non amati, i non voluti, i non curati, i respinti, i dimenticati…

Dovunque ci sono i non amati, i non voluti, i non curati, i respinti, i dimenticati…
Si ferma per poco ripartendo per il Darjeeling dove completa la sua formazione monacale, imparando anche il bengali. E’ qui che ha la sua prima esperienza di insegnante nella scuola del convento dove si sta preparando alla missione.
Riesce ad avere anche un’importante prima esperienza da infermiera che le sarà utile nel suo futuro per capire quale sarà la sua “seconda” chiamata alla carità e all’aiuto verso bisognosi e ammalati.
Alla fine di maggio del 1931 prende i voti, anche se temporanei, e assume provvisoriamente il nome di Maria Teresa, in quanto devota di Santa Teresa di Lisieux.
Sempre nel 1931 raggiungerà definitivamente Calcutta al convento di Entally e nel 1937 prenderà i voti definitivi con il nome di Madre Teresa. Il convento, dove lei nel frattempo diventa direttrice, durante la guerra sarà adibito a ospedale militare inglese.
Nel 1945 quando finisce la II guerra mondiale gli anni cosi tragici le fanno comprendere la necessità di prendersi cura degli orfani, degli ammalati, degli abbandonati e degli ultimi.
Il suo ordine però non le permette di operare in modo attivo al di fuori del convento, ma nel 1946 ha un’esperienza tragica alla vista della città di Calcutta sconvolta dagli attacchi di bande facinorose e comincia a pensare di cambiare la sua missione in qualcosa che fosse stato utile a questa popolazione sventurata.

Un giornalista americano, vedendo Madre Teresa lavare un uomo coperto di piaghe esclamò: “Io non lo farei per un milione di dollari!” E lei, ridacchiando rispose: “Nemmeno io!”

Durante un viaggio lungo un’intera notte in treno maturò la decisione di prendersi cura in ogni modo degli “ultimi”.
Poté però attuare questo suo proposito soltanto dopo 2 anni di difficili trattative con l’ordine, ma ottenne il permesso dall’arcivescovo di Calcutta. Ottenne finalmente anche quello del Vaticano di vivere completamente sola nei sobborghi di Calcutta continuando a essere una suora, ma abbandonando per coerenza l’ordine religioso di cui aveva fatto parte.
Cominciò la sua opera con sole 5 rupie e si rese conto che era necessario insegnare le norme d’igiene e riuscire a dare del cibo migliore a tutti coloro che chiedevano il suo aiuto, specie agli ammalati e ai bambini abbandonati o orfani.
La sua abitazione era una umile capanna e il primo contatto lo ebbe facendo scuola ai bambini. La sua opera era apprezzata e quindi cominciarono a unirsi a lei alcuni volontari che la aiutarono e l’anno dopo nel ’49 un signore, Micheal Gomes, mise a loro disposizione una casa.
Di li a poco alcune ex allieve si unirono a lei e alla sua opera, nella quale era inclusa anche l’assistenza ai moribondi per dare loro una morte dignitosa.
E’ cosi che nel 1950 fondò le Missionarie della Carità, scegliendo una veste tra le più semplici ed economiche: di cotone bianco con i bordi blu.
L’affluenza sempre crescente di bisognosi richiedette una sede più grande che arrivò con il trasferimento in un’altra zona della città nel 1953.
L’ordine delle Missionarie della carità era evidentemente ispirato ai principi di povertà e di carità di San Francesco.
Entro pochi anni sorsero altri centri e case di accoglienza delle Missionarie e Madre Teresa di Calcutta non ha mai negato l’aiuto a persone di altre religioni, che sono comunque più numerose rispetto a quella cattolica.
Nel 1957 arrivò anche l’aiuto di un medico e fu allora che la piccola suora decise di accogliere i lebbrosi, che tutti rifiutavano. Creò per loro una casa donata da persone che apprezzavano quello che faceva, ma senza isolarli bensì con la presenza di aiutanti sane che li affiancavano nel condurre una vita più normale e anche per arrivare a guarire.
Negli anni ’60 cominciarono a nascere altri centri della congregazione nei 5 continenti e l’opera di Madre Teresa venne resa nota anche ai potenti della terra, di cui attirò la stima e il rispetto.
Nel 1979 ricevette il Premio Nobel per la Pace e non volle partecipare al banchetto, chiedendo che i soldi fossero devoluti in beneficenza per i più poveri del mondo.
Negli anni ’80 nacque un forte legame di spirito e collaborazione con Papa Giovanni Paolo II che incontrò più volte negli anni e che volle la sua beatificazione a soli 2 anni dalla morte: è stata un’amicizia tra 2 santi della modernità.
Negli anni la salute della piccola suora peggiorò, prima con l’artrite reumatoide e poi nel 1989 con un infarto. Incontrò per l’ultima volta il Papa pochi mesi prima di morire, nel 1997.
Nel corso della sua vita da suora delle Missionarie della Carità confidò di avere vissuto quella che lei stessa aveva definito “la notte della fede”. I dubbi la tormentavano, temeva di non essere apprezzata da Dio e arrivò perfino a temere che non esistesse. In una delle sue rare interviste paragonò la sofferenza vissuta in questo periodo a quella che provò Gesù nell’Orto degli Ulivi, quando sudò sangue, sapendo che sarebbe stato messo a morte e di questo si disse felice perché si sentiva più vicina a lui.
La sua scomparsa provocò un’ondata di commozione planetaria e le furono tributati solenni funerali di Stato nella sua Calcutta.

La sua frase più famosa rimane quella di “essere una piccola matita nella mani di Dio”.

E’ stata sepolta a Calcutta nella sede centrale delle Missionarie della Carità e, come ha fatto in vita, ha voluto una posa semplice con una sola frase del vangelo impressa sulla tomba che invita ad amarsi gli uni gli altri.

Il 4 Settembre 2016 Papa Francesco ha pronunciato la formula di canonizzazione e iscritto nell’albo dei santi madre Teresa di Calcutta.

  • 1) Chi nel cammino della vita ha acceso anche soltanto una fiaccola nell’ora buia di qualcuno non è vissuto invano.
    Solidarietà
  • 2)

    E' Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. E' Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l'altro. E' Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società. E' Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale. E' Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. E' Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri.


    Natale
  • 3) Non esiste povertà peggiore che non avere amore da dare.
    Povertà
  • 4) Io non penso di avere delle qualità speciali, non pretendo niente per il lavoro che svolgo. E’ opera Sua. Sono come una piccola matita nelle Sue mani, nient’altro. È Lui che pensa. È Lui che scrive. La matita non ha nulla a che fare con tutto questo. La matita deve solo poter essere usata.
    Qualità
  • 5) Non aspettare che arrivino i leader. Fallo da solo, persona per persona.
    Attesa
  • 6) Una vita non vissuta per gli altri non è una vita.
    no tags
  • 7) Mai viaggiare più veloce di quanto il tuo angelo custode possa volare.
    Angeli
  • 8) Le persone sono irrealistiche, illogiche ed egocentriche. Le amo comunque.
    no tags
  • 9) Non tutti possiamo fare grandi cose, ma possiamo fare piccole cose con grande amore.
    no tags
  • 10) Amare deve essere naturale, come respirare.
    no tags
  • 11) Essere non amati, non voluti, dimenticati. È questa la grande povertà, peggio di non avere niente da mangiare.
    no tags
  • 12) L'amore è l'unica risposta alla solitudine.
    Solitudine
  • 13) L'orgoglio annienta ogni cosa.
    Orgoglio
  • 14) La lebbra del mondo occidentale è la solitudine.
    Solitudine
  • 15) Io so che Dio non mi dà nulla che non possa gestire. Spero solo che non si fidi troppo di me.
    no tags
  • 16) Più ci saranno gocce d'acqua pulita, più il mondo risplenderà di bellezza.
    Acqua
  • 17) Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quando amore mettiamo nel dare.
    no tags
  • 18) Non si è nudi solo per la mancanza di vestiti, la nudità è la perdita della dignità umana, la perdita della meravigliosa virtù della purezza, così bistrattata ai nostri giorni.
    no tags
  • 19) È necessaria l'infelicità per capire la gioia, il dubbio per capire la verità, la morte per comprendere la vita. Perciò affronta e abbraccia la tristezza quando viene.
    Infelicità
  • 20) È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro. È Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società. È Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale. È Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. È Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri.
    Natale
  • 21) Non dobbiamo permettere a nessuno di allontanarsi dalla nostra presenza, senza sentirsi migliore e più felice.
    no tags
  • 22) Le parole gentili possono essere brevi e facili da pronunciare, ma il loro eco è davvero infinito.
    Infinito
  • 23) Non permettere a te stesso di essere scoraggiato da qualsiasi fallimento fintanto che hai fatto del tuo meglio.
    no tags
  • 24) Non importa chi dice cosa, tu devi accettarlo con un sorriso e fare il tuo lavoro.
    Sorriso
  • 25) Morire è tornare a casa; eppure la gente ha paura di quello che può capitare, e allora non vogliono morire. Se nella morte non si vede alcun mistero, allora non si ha paura di morire. C'è però anche il dubbio di coscienza: «Forse avrei potuto fare meglio». Quasi sempre, si muore come si è vissuto. La morte altro non è che continuazione della vita, completamento della vita. È il corpo umano che si arrende. Ma il cuore e l'anima vivono per sempre. Non muoiono. Ogni religione crede nell'eternità, in un'altra vita. Questa vita non ha una fine definitiva: quelli che credono che la vita finisca per sempre temono la morte. Se a questa gente si spiegasse bene che la morte altro non è che tornare nella casa di Dio, non ci sarebbe più paura della morte.
    no tags
  • 26) Noi siamo stati creati per amare ed essere amati.
    no tags
  • 27) Oggi la gente ha fame d'amore, ha fame di comprendere l'amore più grande che è l'unica risposta alla solitudine e all'estrema miseria. Ecco perché possiamo andare nei paesi ricchi dove nessuno ha fame di pane e vedere la gente che soffre in maniera terribile per la solitudine, la disperazione, l'impotenza, la mancanza di prospettive.
    Solitudine
  • 28) Non possiamo parlare finché non ascoltiamo. Quando avremo il cuore colmo, la bocca parlerà, la mente penserà.
    no tags
  • 29) E' necessario che comprendiamo i poveri, perchè non esiste solo la povertà materiale, ma anche la povertà spirituale, più dura e profonda, che si annida anche nel cuore degli uomini colmi di ricchezze.
    no tags
  • 30) Non guardo le masse, ma le singole persone. Se guardassi le masse non inizierei mai.
    no tags
  • 31) Abbiamo il potere di essere in Paradiso già da ora, di essere felici con Lui in questo momento, se amiamo come lui ci ama, se aiutiamo come Lui ci aiuta, se doniamo come Egli dona, se serviamo come Egli serve.
    no tags
  • 32) Una delle più grandi malattie del nostro tempo è quello di essere nessuno per nessuno.
    no tags
  • 33) L'aborto è il più grande distruttore della pace perché, se una madre può uccidere il suo stesso figlio, cosa impedisce che io uccida te e tu uccida me? Non c'è più nessun ostacolo.
    no tags
  • 34) Non accontentiamoci di dare solo del denaro. Il denaro non è sufficiente. Vorrei che ci fossero più persone ad offrire le loro mani per servire ed i loro cuori per amare.
    no tags
  • 35) Credo che nessuno di noi conosca la fame, ma un giorno me la insegnò una bambina. La trovai per strada, mi accorsi che aveva fame e le diedi un pezzo di pane, ma lei ne mangiava una briciola per volta. Io le dissi di mangiarlo serenamente, ma lei mi rispose: ‘ho paura, perché quando finirà io avrò di nuovo fame.
    FamePaura
  • 36) Preferirei fare errori nella gentilezza e nella compassione che i miracoli nella cattiveria e durezza.
    Cattiveria
  • 37) Parla loro con tenerezza. Lascia che ci sia gentilezza sul tuo volto, nei tuoi occhi, nel tuo sorriso, nel calore del nostro saluto. Abbi sempre un sorriso allegro. Non dare solo le tue cure, ma dai anche il tuo cuore.
    no tags
  • 38) Ho scoperto il paradosso che se io amo fino a che fa male, allora non c'è dolore, ma solo più amore.
    Paradosso
  • 39) Sappiamo che, se vogliamo veramente amare, dobbiamo imparare a perdonare
    no tags
  • 40) Dovreste conoscere quello che vuole dire povertà, forse la nostra gente ha molti beni materiali, forse ha tutto, ma credo che se guardiamo nelle nostre case, vediamo quanto è difficile talvolta trovare un sorriso e un sorriso è il principio dell'amore. Allora incontriamoci con un sorriso perché il sorriso è il principio dell'amore e una volta che abbiamo cominciato l'un l'altro ad amarci, diviene naturale fare qualcosa per gli altri.
    no tags
  • 41) Quanto meno abbiamo, più diamo. Sembra assurdo, però questa è la logica dell'amore.
    no tags
  • 42) Cosa puoi fare per promuovere la pace nel mondo? Vai a casa e ama la tua famiglia.
    Famiglia
  • 43) L'amore comincia a casa: prima viene la famiglia, poi il tuo paese o la tua città.
    Famiglia
  • 44) L'amore non vive di parole, né può essere spiegato a parole.
    no tags
  • 45) Non sapremo mai quanto bene può fare un semplice sorriso.
    Sorriso
  • 46) Non è abbastanza dire: 'Io amo Dio'. Io devo amare anche il mio prossimo. Nelle Scritture San Giovanni dice che è bugiardo colui che dice di amare Dio ma non ama il suo prossimo. Come si può amare Dio, che non si vede, se non si ama il proprio prossimo che si vede, che si tocca, con il quale si vive? E usa una parola molto grossa, 'bugiardo'. È una di quelle parole che spaventa quando le si legge, eppure è proprio la verità.
    Menzogna
  • 47) La fede che passa all'azione diventa amore, e l'amore che si trasforma in azione diventa servizio.
    no tags
  • 48) La gioia è molto contagiosa; quindi, siate sempre pieni di gioia.
    no tags
  • 49) Non preoccuparti di numeri. Aiuta una persona alla volta e inizia sempre con la persona più vicina a te.
    no tags
  • 50) L'amore è un frutto che matura in ogni stagione ed è sempre alla portata di ogni mano.
    no tags
  • 51) Cercare di infondere nei cuori dei vostri figli l'amore per la casa. Fate in modo che desiderino ardentemente stare con la propria famiglia. Molti peccati si potrebbero evitare se la nostra gente amasse davvero la propria casa.
    Famiglia
  • 52) Le nostre anime devono essere come un cristallo trasparente attraverso il quale si può scorgere Dio.
    no tags
  • 53) La perdita di un certo pudore e la perdita della purezza sono le cause profonde della decadenza del mondo.
    no tags
  • 54) Se non avete esperienza, chiedete. Non c'è nessuna vergogna nel chiedere, ma non pretendete di conoscere ciò che non conoscete.
    Esperienza
  • 55) Spesso si vedono fili elettrici, piccoli o grossi, nuovi e vecchi, dei cavi costosi e a buon mercato; da soli sono inutili e, finchè non passa la corrente non si ha luce. Il filo siamo noi, la corrente è Dio. Noi abbiamo la possibilità di permettere alla corrente di passare attraverso di noi e di utilizzarci per produrre la luce nel mondo, oppure possiamo rifiutare di essere usati e consentire così alle tenebre di diffondersi.
    no tags
  • 56) Quando una persona ti ferisce, non irritarti, ma pensa solo che dietro quel comportamento c'è una incapacità di amare, dovuta alla presenza di una ferita, di una mancanza d'amore, così perdonerai e pregherai per quella persona senza portare rancore.
    no tags
  • 57) Quando tu non hai niente, allora tu hai tutto.
    no tags
  • 58) Ognuno di questi poveri è Gesù sotto mentite spoglie.
    no tags
  • 59) La gioia è una rete di amore in cui si possono prendere le anime.
    no tags
  • 60) La più grande scienza nel mondo, in cielo e in terra, è l'amore.
    no tags
  • 61) La gioia profonda del cuore è come una calamita che indica il percorso della vita.
    no tags
  • 62) Non possiamo fare grandi cose su questa Terra, solo piccole cose con grande amore.
    no tags
  • 63) La santità non consiste nel fare cose straordinarie. Essa consiste nell'accettare, con un sorriso, quello che Gesù ci manda. Essa consiste nell'accettare e seguire la volontà di Dio.
    no tags
  • 64) Nel mondo le persone possono apparire diverse o avere una religione, un'istruzione o una posizione diverse, ma sono tutte uguali. Sono persone da amare, hanno tutte fame d'amore. La gente che vedete per le strade di Calcutta ha fame nel corpo, ma anche quella che vedete a Londra o a New York ha una fame che deve essere soddisfatta, Ogni persona ha bisogno di essere amata.
    Apparenza
  • 65) Se avrete occhi per vedere, troverete Calcutta in tutto il mondo. Le strade di Calcutta conducono alla porta di ogni uomo. So che magari vorreste fare un viaggio a Calcutta, ma è più facile amare le persone lontane. Non è sempre facile amare le persone che ci vivono accanto.
    no tags
  • 66) Il male mette le radici quando un uomo comincia a pensare di essere migliore degli altri.
    no tags
  • 67) Io posso fare cose che non tu non puoi, tu puoi fare cose che io non posso. Insieme possiamo fare grandi cose.
    no tags
  • 68) Ama la vita e amala seppure non ti da ciò che potrebbe, amala anche se non è come tu la vorresti, amala quando nasci e ogni volta che stai per morire. Non amare mai senza amore, non vivere mai senza vita.
    no tags
  • 69) La gioia è assai contagiosa. Cercate, perciò, di essere sempre traboccanti di gioia dovunque andiate.
    no tags
  • 70) Se non abbiamo pace, è perché abbiamo dimenticato che apparteniamo gli uni agli altri.
    no tags
  • 71) Non so come sarà il cielo, ma so che quando si muore e arriva il momento in cui Dio ci giudicherà, lui non chiederà, -Quante cose buone hai fatto nella tua vita?-, e piuttosto chiederà, -Quanto amore hai messo in quello che hai fatto?-.
    no tags
  • 72) Ieri non è più, domani non è ancora. Non abbiamo che il giorno d'oggi. Cominciamo.
    no tags
  • 73)

    Mandami qualcuno da amare Signore, quando ho fame, dammi qualcuno che ha bisogno di cibo; quando ho sete, mandami qualcuno che ha bisogno di una bevanda; quando ho freddo, mandami qualcuno da scaldare; quando ho un dispiacere, offrimi qualcuno da consolare; quando la mia croce diventa pesante, fammi condividere la croce di un altro; quando sono povero, guidami da qualcuno nel bisogno; quando non ho tempo, dammi qualcuno che io possa aiutare per qualche momento; quando sono umiliato, fa' che io abbia qualcuno da lodare; quando sono scoraggiato, mandami qualcuno da incoraggiare; quando ho bisogno della comprensione degli altri, dammi qualcuno che ha bisogno della mia; quando ho bisogno che ci si occupi di me, mandami qualcuno di cui occuparmi; quando penso solo a me stesso, attira la mia attenzione su un'altra persona.


    no tags
  • 74) Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe, i capelli diventano bianchi, i giorni si trasformano in anni. Però ciò che è importante non cambia; la tua forza e la tua convinzione non hanno età. Il tuo spirito è la colla di qualsiasi tela di ragno. Dietro ogni linea di arrivo c'è una linea di partenza. Dietro ogni successo c'è un' altra delusione. Fino a quando sei viva, sentiti viva. Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo. Non vivere di foto ingiallite… insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni. Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c'è in te. Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto. Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce. Quando non potrai camminare veloce, cammina. Quando non potrai camminare, usa il bastone. Però non trattenerti mai!
    no tags
  • 75) L'amore, per essere vero, deve costar fatica, deve far male, deve svuotarci del nostro io.
    no tags
  • 76) Abbiamo bisogno di trovare Dio, ed Egli non può essere trovato nel rumore e nella irrequietezza. Dio è amico del silenzio. Guarda come la natura – gli alberi, i fiori, l'erba – crescono in silenzio; guarda le stelle, la luna e il sole, come si muovono in silenzio. Abbiamo bisogno di silenzio per essere in grado di toccare le anime.
    no tags
  • 77) Non amate per la bellezza, perché un giorno finirà. Non amate per l'ammirazione, perché un giorno vi deluderà. Amate e basta, perché il tempo non può far finire un amore che non ha spiegazioni.
    no tags
  • 78) La gente è affamata d amore perché siamo tutti troppo indaffarati.
    no tags
  • 79) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice.
    no tags
  • 80)

    Trova il tempo per giocare trova il tempo per amare ed essere amato trova il tempo per dare trova il tempo di leggere trova il tempo di essere amico trova il tempo per lavorare. È la fronte della saggezza e la strada delle felicità.


    no tags
  • 81)

    La vita è un'opportunità, coglila. La vita è bellezza, ammirala. La vita è beatitudine, assaporala. La vita è un sogno, fanne una realtà. La vita è una sfida, affrontala. La vita è un dovere, compilo. La vita è un gioco, giocalo. La vita è preziosa, abbine cura. La vita è una ricchezza, conservala. La vita è amore, godine. La vita è un mistero, scoprilo. La vita è una promessa, adempila. La vita è tristezza, superala. La vita è un inno, cantalo. La vita è una lotta, vivila. La vita è una gioia, gustala. La vita è una croce, abbracciala. La vita è un'avventura, rischiala. La vita è pace, costruiscila. La vita è felicità, meritala. La vita è vita, difendila.


    no tags
  • 82) L'amore è una grande medicina.
    no tags
  • 83) Il Tabernacolo ci garantisce che Gesù ha piantato la sua tenda in mezzo a noi.
    no tags
  • 84) Amare deve essere naturale, come respirare. Madre Teresa di Calcutta
    no tags
  • 85) Qual è il regalo più bello? Il perdono! E quale è la cosa più bella di tutte? Di certo, l'amore.
    Perdono
  • 86) Il passatempo più bello è il lavoro.
    no tags
  • 87) Possiamo essere in Paradiso con Dio già adesso, se amiamo come egli ci ama.
    no tags
  • 88) La vita è vita, vivila.
    no tags
  • 89) La donna ha più di tutte le creature la capacità di amare, di trasformare i piccoli gesti in momenti significativi.
    no tags
  • 90) Non è necessario che facciamo grandi cose per mostrare un grande amore.
    no tags
  • 91) È facile amare chi sta lontano. Non è sempre facile amare chi vive vicino a noi.
    no tags
  • 92) Ama la vita e amala seppure non ti da ciò che potrebbe, amala anche se non è come tu la vorresti, amala quando nasci e ogni volta che stai per morire. Non amare mai senza amore, non vivere mai senza vita.
    no tags
  • 93) Ogni opera d'amore fatta con il cuore avvicina a Dio.
    no tags
  • 94) Non importa quanto si dà ma quanto amore si mette nel dare.
    no tags
  • 95) Trova un minuto per pensare, Trova un minuto per pregare, Trova un minuto per ridere.
    no tags
  • 96) Trova il tempo di essere amico: è la strada della felicità.
    Strada
  • 97) Il vero male è l'indifferenza.
    Indifferenza
  • 98) Perché una lampada continui a bruciare bisogna metterci dell'olio.
    no tags
  • 99) I veri poveri non fanno rumore.
    no tags
  • 100) La felicità è un percorso, non una destinazione.
    no tags
  • 101) Le persone che si amano in modo totale e sincero sono le più felici del mondo. Magari hanno poco, magari non hanno nulla, ma sono persone felici. Tutto dipende dal modo in cui ci amiamo.
    no tags
  • 102) Se vuoi salire fino al cielo, devi scendere fino a chi soffre e dare la mano.
    no tags
  • 103) Quello che sorprende gli altri non è tanto quello che facciamo, ma il vedere che ci sentiamo felici di farlo e sorridiamo facendolo.
    Sorriso
  • 104)

    Raggi dell'amore di Dio Aiutami a diffondere dovunque il tuo profumo, o Gesù. Dovunque io vada. Inonda la mia anima del tuo Spirito e della tua vita. Diventa padrone del mio essere in modo così completo che tutta la mia vita sia un'irradiazione della tua. Perché ogni anima che avvicino possa sentire la tua presenza dentro di me. Perché guardandomi non veda me, ma Te in me. Resta in me. Così splenderò del tuo stesso splendore e potrò essere luce agli altri.


    no tags
  • 105) Ventiquattro domande e ventiquattro risposte Il giorno più bello? Oggi. L'ostacolo più grande? La paura. La cosa più facile? Sbagliarsi. L'errore più grande? Rinunciare. La radice di tutti i mali? L'egoismo. La distrazione migliore? Il lavoro. La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento. I migliori professionisti? I bambini. Il primo bisogno? Comunicare. La felicità più grande? Essere utili agli altri. Il mistero più grande? La morte. Il difetto peggiore? Il malumore. La persona più pericolosa? Quella che mente. Il sentimento più brutto? Il rancore. Il regalo più bello? Il perdono. Quello indispensabile? La famiglia. La rotta migliore? La via giusta. La sensazione più piacevole? La pace interiore. L'accoglienza migliore? Il sorriso. La miglior medicina? L'ottimismo. La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto. La forza più grande? La fede. Le persone più necessarie? I sacerdoti. La cosa più bella del mondo? L'amore.
    no tags
  • 106)

    Ama Ama finché non ti fa male, e se ti fa male, proprio per questo sarà meglio. Perché lamentarsi? Se accetti la sofferenza e la offri a Dio, ti darà gioia. La sofferenza è un grande dono di Dio: chi l'accoglie, chi ama con tutto il cuore, chi offre se stesso ne conosce il valore.


    no tags
  • 107)

    Ho sentito i l battito del tuo cuore Ti ho trovato in tanti posti, Signore. Ho sentito il battito del tuo cuore nella quiete perfetta dei campi, nel tabernacolo oscuro di una cattedrale vuota, nell'unità di cuore e di mente di un'assemblea di persone che ti amano. Ti ho trovato nella gioia, dove ti cerco e spesso ti trovo. Ma sempre ti trovo nella sofferenza. La sofferenza è come il rintocco della campana che chiama la sposa di Dio alla preghiera. Signore, ti ho trovato nella terribile grandezza della sofferenza degli altri. Ti ho visto nella sublime accettazione e nell'inspiegabile gioia di coloro la cui vita è tormentata dal dolore. Ma non sono riuscito a trovarti nei miei piccoli mali e nei miei banali dispiaceri. Nella mia fatica ho lasciato passare inutilmente il dramma della tua passione redentrice, e la vitalità gioiosa della tua Pasqua è soffocata dal grigiore della mia autocommiserazione. Signore io credo. Ma tu aiuta la mia fede.


    no tags
  • 108)

    In un momento di onestà Signore, quando credo che il mio cuore sia straripante d'amore e mi accorgo, in un momento di onestà, di amare me stesso nella persona amata, liberami da me stesso. Signore, quando credo di aver dato tutto quello che ho da dare e mi accorgo, in un momento di onestà, che sono io a ricevere, liberami da me stesso. Signore, quando mi sono convinto di essere povero e mi accorgo, in un momento di onestà, di essere ricco di orgoglio e di invidia, liberami da me stesso. E, Signore, quando il Regno dei cieli si confonde falsamente con i regni di questo mondo, fa' che io trovi felicità e conforto solo in Te.


    no tags
  • 109)

    Insegnami l'amore Signore, insegnami a non parlare come un bronzo risonante o un cembalo squillante, ma con amore. Rendimi capace di comprendere e dammi la fede che muove le montagne, ma con l'amore. Insegnami quell'amore che è sempre paziente e sempre gentile; mai geloso, presuntuoso, egoista o permaloso; l'amore che prova gioia nella verità, sempre pronto a perdonare, a credere, a sperare e a sopportare. Infine, quando tutte le cose finite si dissolveranno e tutto sarà chiaro, che io possa essere stato il debole ma costante riflesso del tuo amore perfetto.


    no tags
  • 110)

    La bontà La bontà Non permettere mai che qualcuno venga a te e vada via senza essere migliore e più contento. Sii l'espressione della bontà di Dio. Bontà sul tuo volto e nei tuoi occhi, bontà nel tuo sorriso e nel tuo saluto. Ai bambini, ai poveri e a tutti coloro che soffrono nella carne e nello spirito offri sempre un sorriso gioioso. Dai a loro non solo le tue cure ma anche il tuo cuore.


    Bontà
  • 111)

    Vuoi le mie mani? Signore, vuoi le mie mani per passare questa giornata aiutando i poveri e i malati che ne hanno bisogno? Signore, oggi ti do le mie mani. Signore, vuoi i miei piedi per passare questa giornata visitando coloro che hanno bisogno di un amico? Signore, oggi ti do i miei piedi. Signore, vuoi la mia voce per passare questa giornata parlando con quelli che hanno bisogno di parole d'amore? Signore, oggi ti do la mia voce. Signore, vuoi il mio cuore per passare questa giornata amando ogni uomo solo perché è un uomo? Signore, oggi ti do il mio cuore.


    no tags
  • 112)

    Apri i nostri occhi Apri i nostri occhi, Signore, perché possiamo vedere Te nei nostri fratelli e sorelle. Apri le nostre orecchie, Signore, perché possiamo udire le invocazioni di chi ha fame, freddo, paura, e di chi è oppresso. Apri il nostro cuore, Signore, perché impariamo ad amarci gli uni gli altri come Tu ci ami. Donaci di nuovo il tuo Spirito, Signore, perché diventiamo un cuore solo ed un'anima sola, nel tuo nome. Amen.


    no tags
  • 113)

    Preghiera a Maria Maria, madre di Gesù, dammi il tuo cuore, così bello, così puro, così immacolato, così pieno d'amore e umiltà: rendimi capace di ricevere Gesù nel pane della vita, amarlo come lo amasti e servirlo sotto le povere spoglie del più povero tra i poveri. Amen


    no tags
  • 114)

    Chi è Gesù per me Il Verbo fatto carne. Il pane di vita. La vittima che si offre sulla croce per i nostri peccati. Il sacrificio offerto nella santa messa per i peccati del mondo e miei personali. La parola che devo dire. Il cammino che devo seguire. La luce che devo accendere. La vita che devo vivere. L'amore che deve essere amato. La gioia che dobbiamo condividere. Il sacrificio che dobbiamo offrire. La pace che dobbiamo seminare. Il pane di vita che dobbiamo mangiare. L'affamato che dobbiamo sfamare. L'assetato che dobbiamo dissetare. Il nudo che dobbiamo vestire. Il senzatetto al quale dobbiamo offrire riparo. Il solitario al quale dobbiamo far compagnia. L'inatteso che dobbiamo accogliere. Il lebbroso le cui ferite dobbiamo lavare. Il mendicante che dobbiamo soccorrere. L'alcolizzato che dobbiamo ascoltare. Il disabile che dobbiamo aiutare. Il neonato che dobbiamo accogliere. Il cieco che dobbiamo guidare. Il muto a cui dobbiamo prestare la nostra voce. Lo storpio che dobbiamo aiutare a camminare. La prostituta che dobbiamo allontanare dal pericolo e colmare della nostra amicizia. Il detenuto che dobbiamo visitare. L'anziano che dobbiamo servire. Gesù è il mio Dio. Gesù è il mio sposo. Gesù è la mia vita. Gesù è il mio unico amore. Gesù è tutto per me. Gesù, per me, è l'unico.


    no tags
  • 115)

    Invito alla santità L'uomo è irragionevole, egocentrico: non importa, amalo! Se fai il bene ti attribuiranno secondi fini egoistici: non importa, fa' il bene! Se realizzi i tuoi obiettivi troverai falsi amici e veri nemici: non importa, realizzali! Il bene che fai verrà domani dimenticato: non importa, fa' il bene! L'onestà e la sincerità ti rendono in qualche modo vulnerabile: non importa, sii sempre e comunque franco e onesto! Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo: non importa, costruisci! Se aiuti la gente, se ne risentirà: non importa, aiutala! Dai al mondo il meglio di te e ti prenderanno a calci: non importa, continua!


    no tags
  • 116)

    Trova il tempo Trova il tempo Trova il tempo di pensare, trova il tempo di pregare, trova il tempo di ridere: è la fonte del potere, è il più grande potere sulla Terra, è la musica dell'anima. Trova il tempo per giocare, trova il tempo per amare ed essere amato, trova il tempo di dare: è il segreto dell'eterna giovinezza, è il privilegio dato da Dio; la giornata è troppo corta per essere egoisti. Trova il tempo di leggere, trova il tempo di essere amico, trova il tempo di lavorare: è la fonte della saggezza, è la strada della felicità, è il prezzo del successo. Trova il tempo di fare la carità: è la chiave del Paradiso.


    no tags
  • 117) Compresi che l'amore racchiudeva tutte le vocazioni, che era tutto, che abbracciava tutti i tempi e tutti i luoghi… La mia vocazione finalmente l'ho trovata… è l'amore!
    Amore
  • 118) Dio agisce sempre secondo le vie più semplici.
    Dio
  • 119) Dio ha creato ciascuno essere umano, in vista di una cosa più grande: amare ed essere amato.
    Amore
  • 120) Dovreste conoscere ciò che vuole dire povertà, forse la nostra gente ha molti beni materiali, forse ha tutto, ma credo che se guardiamo nelle nostre case, vediamo quanto è difficile talvolta trovare un sorriso e il sorriso è il principio dell'amore. Allora incontriamoci con un sorriso e una volta che abbiamo cominciato l'un l'altro a amarci diviene naturale fare qualcosa per gli altri.
    Sorriso
  • 121) Ho cominciato ad amare le mie tenebre perché credo che siano una parte, una piccola parte delle tenebre di Gesù e della sua pena sulla terra.
    no tags
  • 122) Ieri è trascorso. Domani deve ancora venire. Noi abbiamo solo l'oggi. Se aiutiamo i nostri figli ad essere ciò che dovrebbero essere oggi, avranno il coraggio necessario per affrontare la vita con maggior amore.
    Figli
  • 123) Il vero amore deve sempre fare male. Deve essere doloroso amare qualcuno, doloroso lasciare qualcuno. Solo allora si ama sinceramente.
    Amore
  • 124) L'uomo è irragionevole, illogico, egocentrico. Non importa: amalo.
    Uomini
  • 125) La fame d'amore è molto più difficile da rimuovere che la fame di pane.
    Amore
  • 126) La gioia è amore, la conseguenza logica di un cuore ardente d'amore. La gioia è una necessità e una forza fisica. La nostra lampada arderà dei sacrifici fatti con amore se siamo pieni di gioia.
    Gioia
  • 127) La nostra opera per le anime è grande, ma senza penitenza e molto sacrificio sarà impossibile.
    Aiuto
  • 128) Le parole gentili sono brevi e facili da dire, ma il loro eco è eterno.
    Parole
  • 129) Noi desideriamo poter accogliere Gesù a Natale, non in quella gelida mangiatoia che è a volte il nostro cuore, ma in un cuore pieno d'amore e di umiltà, in un cuore così puro, così immacolato, così caldo di amore l'uno per l'altro.
    Natale
  • 130) Non capiremo mai abbastanza quanto bene è capace di fare un sorriso.
    Sorriso
  • 131) Non potrei invidiare nessuno, nemmeno coloro che godono di una qualche felicità apparentemente perfetta agli occhi del mondo, perché io assaporo una felicità completa, anche quando soffro qualcosa per il mio amato sposo.
    Invidia
  • 132) Non preoccuparti di sapere i problemi del mondo, limitati a rispondere alle esigenze della gente.
    no tags
  • 133) Perché una lampada continui a bruciare bisogna metterci dell'olio.
    no tags
  • 134) Quello che mi scandalizza non sono i ricchi e i poveri: è lo spreco.
    no tags
  • 135) Quello che noi facciamo è solo una goccia nell'oceano, ma se non lo facessimo l'oceano avrebbe una goccia in meno.
    Solidarietà
  • 136) Se oggi non siamo più in pace, è perchè abbiamo dimenticato di appartenere gli uni agli altri.
    Pace
  • 137) Se vuoi salire fino al cielo, devi scendere fino a chi soffre e dare la mano al povero.
    Aiuto
  • 138) Siamo solo sassolini buttati nel mare, che fanno increspare l'acqua.
    Essere
  • 139) È Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. È Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. È Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri.
    Natale
Fonti

Per eventuali fonti non citate si prega di fare riferimento alla pagina dei Ringraziamenti

Top

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima parte o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .Cookie policy