Le Frasi più Belle di Albert Einstein

334 Aforismi Citazioni e Frasi Celebri di Albert Einstein

[Voti: 4    Media Voto: 4.3/5]
Frasi famose Albert Einstein

☰ Biografia...

Nome: Albert Einstein
In Arte: Albert Einstein
Luogo di Nascita: ( Germania )
Data Nascita: 14/3/1879
Data Morte: 18/4/1955
Professione: Fisico, Filosofo
Premi: Nobel per la fisica nel 1921

Albert Einstein ha riscritto le leggi della natura. Ha completamente stravolto il modo di intendere cose all’epoca molto semplici, come la luce, la gravità e il tempo. Anche se gli scienziati contemporanei fanno un uso regolare delle leggi introdotte da Einstein, a suo tempo erano completamente rivoluzionarie. Tutti noi, oggi, affibbiamo all’immagine di Einstein un genio senza eguali, uno spirito pacifista che, con i suoi capelli bianchi selvatici e la sua mania di non indossare i calzini, ha contribuito alla creazione di armi nucleari. Ma qual è in realtà l’uomo che si nasconde dietro la figura più intelligente di tutti i tempi?

Un uomo contro il nazionalismo

Einstein era, in diversi punti della sua vita, un cittadino della Germania, Svizzera e Stati Uniti. “Il nazionalismo è una malattia infantile”, ha detto una volta. “E’ il morbillo della razza umana”. Nel 1952, inoltre, è stato invitato a presenziare come secondo presidente di Israele, ma Einstein ha gentilmente rifiutato.

La prima frase pronunciata dal Giovane Albert fu “la Zuppa è troppo calda.”. Quando in seguito i genitori gli chiesero come mai non avesse parlato prima, sembra che lui abbia risposto: “Perché fino ad ora tutto era a posto”.

Gli inizi delle sua carriera

Einstein è nato nel 1879, a Ulm, Württemberg, in Germania, per gli ebrei nota come Ashkenazi. Il giovane ragazzo era lento a parlare, forse perché il suo cervello ha formulato concetti prima delle parole. Da adulto, ha spiegato: molto raramente do peso alle parole. Un pensiero viene, e posso cercare di esprimerlo dopo in parole.
Quando i suoi genitori si trasferirono in Italia per motivi di lavoro, Einstein venne arruolato in un collegio tedesco. Ad un certo punto, però, il ragazzo si rese conto che non intendeva prestare il servizio militare obbligatorio per il suo paese. In seguito ad un’esaurimento nervoso, quindi, Einstein fuggì dalla Germania per trovare rifugio dai suoi genitori in Italia, che lo collocarono in una prestigiosa scuola in Svizzera.

Fra le molte domande a cui dovette rispondere quando sbarcò negli Stati uniti, ce n’era una che chiedeva: “A quale razza appartieni?” – E lui rispose: “A quella umana!”

Il genio nascosto

Incredibilmente, il giovane Einstein fallì l’esame di ammissione per il Politecnico di Zurigo, in Svizzera. Tuttavia, grazie ai suoi eccezionali punteggi in matematica e fisica, riuscì ad essere ammesso. Dopo la laurea, Einstein ebbe una promozione presso l’ufficio brevetti in cui lavorava e, nonostante i “contrattempi” lavorativi, riuscì a trovare il tempo per continuare gli studi, ed è proprio in questo periodo che venne alla luce il genio che tutti noi oggi conosciamo. Il 1905, infatti, da lui soprannominato “Anno miracolo“, pubblicò non solo la sua tesi, ma anche alcuni documenti importanti sull’effetto foto-elettrico, moto browniano, la relatività speciale e l’equivalenza di materia ed energia.
Negli anni successivi, ha affinato la sua opera più famosa, la teoria della relatività. Al termine della sua opera, Einstein commentò: Non è che io sono così intelligente, è solo che sto con problemi più lunghi.
Così è tutto merito del suo cervello sopra la media, o ha semplicemente utilizzato il suo massimo potenziale?

Secondo i suoi Biografi, l’amore per la scienza nacque in Albert all’età di cinque anni, quando il padre gli mostrò una Bussola.

Quando Einstein aveva quattro o cinque anni, suo padre gli mostrò una bussola magnetica. Il giovane ragazzo era affascinato perché l’ago puntava sempre nella stessa direzione, anche quando la bussola veniva rivoltata. Negli anni successivi, Einstein ricordò che quest’esperienza precoce con la bussola aveva acceso la sua curiosità su come funzionassero le cose.
I suoi genitori lo incoraggiarono a prendere lezioni di violino quando era giovane, anche se lui non aveva alcun interesse nell’apprendimento. Einstein voleva costruire le cose, voleva approfondire solo la sua vena ingegneristica. Solo più tardi, dopo aver scoperto le opere di Mozart, Einstein cominciò a maturare interesse sia nell’esecuzione che nell’ascolto della musica. La musica di Mozart è così pura e bella che io la vedo come un riflesso della bellezza interiore dell’universo, disse. Einstein credeva che la musica lo aiutasse a pensare e a concentrarsi meglio. Se non fossi diventato un fisico, probabilmente sarei stato un musicista, dirà in futuro.

All’età di 17 anni Einstein fu bocciato nel tentativo di accedere al Politecnico di Zurigo. Risultò essere negato in tutte le Materie, ad eccezione di Scienze e Matematica.

La sfera privata

Einstein ha trovato l’amore, così come l’educazione, al Politecnico di Zurigo. I suoi genitori non approvavano Mileva Maric, una sua collega universitaria, perché era una serba e non possedeva la disciplina ebrea. Nel 1902 Einstein e Maric hanno avuto una figlia, Lieserl, il cui destino è incerto – si pensa che Lieserl morì a causa della scarlattina o fosse stata data in adozione. La coppia, infine, si sposò nel 1903 e ebbe altri due figli, Hans Albert e Eduard.
Alcuni dicono che Mileva Maric ha svolto un ruolo importante nello sviluppo delle teorie di Einstein. Nonostante questo, però, il loro matrimonio finì con un divorzio nel 1919. Come compenso del divorzio, Einstein promise alla sua ex-moglie di aiutarla economicamente, con i soldi che avrebbe ricevuto in futuro dalla vincita di un premio Nobel.

Il Cervello di Albert Einstein fu conservato per molti anni dal patologo Thomas Harvey in un contenitore sottovuoto. In seguito i parenti acconsentirono affinché venisse sezionato in 240 parti da consegnare a fini di studio ad altrettanti ricercatori.

Il premio Nobel

Dopo due anni dopo il divorzio da Maric, Einstein vinse il premio Nobel per la fisica, nel 1921. Tuttavia, diversamente da come si aspettava il fisico tedesco, il premio Nobel gli venne consegnato per via della sua legge sull’effetto foto-elettrico, e non per la sua teoria della relatività, forse perché all’epoca tali concetti erano troppo controversi. Come previsto, diede il premio in denaro alla sua ex-moglie.

Einstein non indossava mai le calze e portava sempre una penna infilata nel collo del maglione.

Qual è la teoria della relatività?

Einstein una volta disse, tutto dovrebbe essere reso il più semplice possibile, ma non più semplice. Capire la teoria della relatività di Einstein, però, non è affatto semplice. Tutti conoscono la famosa equazione – E = mc2 – ma che cosa significa in realtà? Traducendo l’equazione, si ottiene che l’energia è uguale alla massa moltiplicata per la velocità costante della luce al quadrato. In altre parole, la teoria della relatività spiega perché il movimento degli oggetti non risulta sempre uguale, a seconda di un dato punto di vista.

Da piccolo aveva una testa talmente grande che la mamma pensava fosse deforme.

Ad esempio, un passeggero di una macchina che viaggia in una interstatale e nel frattempo gioca con una pallina. Dal suo punto di vista, la pallina resta ferma fino ad una sua sollecitazione. Dal punto di vista di un autostoppista in piedi sul ciglio della strada, invece, quella pallina sembra viaggiare oltre i 60Km/h!
Ovviamente, si cela molto di più dietro la teoria della relatività. come la teoria della relatività speciale, in cui si afferma che la velocità della luce è costante. Questa teoria ha scosso la comunità scientifica perché contraddice la legge di Newton.

Concludendo, Einstein avrebbe descritto il proprio cervello come niente di speciale. “La maggior parte delle persone dicono che è l’intelletto che fa un grande scienziato”, ha detto una volta. “Si sbagliano, è il carattere.

  • 1) La musica di Mozart è così pura e bella che per me rappresenta l'intima bellezza dell'universo.
    Musica
  • 2) La nostra conoscenza, se paragonata alla realtà, è primitiva e infantile. Eppure è il bene più grande di cui disponiamo.
    Conoscenza
  • 3) E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.
    Pregiudizio
  • 4) La nostra priorità sugli animali consiste, prima di tutto, nel nostro vivere in società.
    Animali
  • 5) Il valore di un uomo dovrebbe essere misurato in base a quanto da e non in base a quanto è in grado di ricevere.
    no tags
  • 6) La pace e la concordia hanno edificate tutte le città.
    Pace
  • 7) Vivisezione. Nessuno scopo è così alto da giustificare metodi così indegni.
    no tags
  • 8) La pace non può essere mantenuta con la forza, può essere solo raggiunta con la comprensione.
    Pace
  • 9) La prima necessità dell' uomo è il superfluo.
    no tags
  • 10) La paura o la stupidità sono sempre state alla base della maggior parte delle azioni umane.
    Stupidità
  • 11) Se A è uguale a successo, allora la formula è A = X + Y + Z. X è il lavoro. Y è il gioco. Z è tenere la bocca chiusa.
    no tags
  • 12) La perfezione della tecnologia e la confusione degli obiettivi sembrano, a mio parere, caratterizzare la nostra epoca.
    Tecnologia
  • 13) La differenza tra un genio e uno stupido è che il genio ha dei limiti.
    no tags
  • 14) La possibilità che un individuo possa sopravvivere alla morte fisica va al di là delle mie capacità di comprensione, e nemmeno posso fare altrimenti. Queste opinioni sono dettate dalla paura, assurdo egoismo o debolezza d'animo.
    Morte
  • 15) Disprezzo profondamente chi è felice di marciare nei ranghi e nelle formazioni militari al seguito di una musica: costui solo per errore ha ricevuto un cervello; un midollo spinale gli sarebbe più che sufficiente.
    no tags
  • 16) La preoccupazione dell'uomo e del suo destino devono sempre costituire l'interesse principale di tutti gli sforzi tecnici. Non dimenticatelo mai in mezzo a tutti i vostri diagrammi ed alle vostre equazioni.
    Destino
  • 17) La scienza senza la religione è zoppa. La religione senza la scienza è cieca.
    no tags
  • 18) La prima necessità dell'uomo è il superfluo.
    no tags
  • 19) Il processo di una scoperta scientifica è un continuo conflitto di meraviglie.
    no tags
  • 20) La principale fonte dei conflitti odierni tra le sfere della religione e della scienza sta tutta in questa idea di un Dio personale. Nella lotta per il bene morale, i maestri della religione debbono avere la capacità di rinunciare alla dottrina d'un Dio personale, vale a dire rinunciare alla fonte della paura e della speranza, che nel passato ha garantito ai preti un potere così ampio.
    Dio
  • 21) La domanda che a volte mi lascia confuso è: sono pazzo io o sono pazzi gli altri?
    no tags
  • 22) La prossima guerra mondiale sarà combattuta con le pietre.
    Guerra
  • 23) Il nazionalismo è una malattia infantile. È il morbillo dell'umanità.
    no tags
  • 24) La religione senza la scienza è cieca, la scienza senza la religione è zoppa.
    Religione
  • 25) Se la mia teoria della relatività si dimostrerà corretta, la Germania mi rivendicherà come tedesco e la Francia dichiarerà che sono un cittadino del mondo. Se la mia teoria si dimostrerà falsa, la Francia dirà che sono tedesco e la Germania dichiarerà che sono un ebreo.
    no tags
  • 26) La ricerca della verità è più preziosa del suo possesso.
    Verità
  • 27) Cento volte al giorno ricordo a me stesso che la mia vita interiore ed esteriore sono basate sulle fatiche di altri uomini, vivi e morti, e che io devo sforzarmi al massimo per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto.
    no tags
  • 28) La saggezza non è il risultato di un'educazione, ma del tentativo di una vita intera di acquisirla.
    Saggezza
  • 29) Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l'inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare.
    no tags
  • 30) La scienza intera non è altro che un modo più sofisticato del pensare quotidiano.
    Scienza
  • 31) E' l'arte suprema dell'insegnante a risvegliare la gioia della creatività e della conoscenza.
    no tags
  • 32) La scienza non può stabilire dei fini e tanto meno inculcarli negli esseri umani; la scienza, al più, può fornire i mezzi con i quali raggiungere certi fini. Ma i fini stessi sono concepiti da persone con alti ideali etici.
    Scienza
  • 33) Ah la Bomba Atomica. Se solo l'avessi saputo avrei fatto l'orologiaio.
    no tags
  • 34) La scienza può solo accertare ciò che è, ma non ciò che dovrebbe essere, e al di fuori del suo ambito restano necessari i giudizi di valore di ogni genere.
    Scienza
  • 35) Noi vediamo, sentiamo, parliamo, ma non sappiamo quale energia ci fa vedere, sentire, parlare e pensare. E quel che è peggio, non ce ne importa nulla. Eppure noi siamo quell'energia. Questa è l'apoteosi dell'ignoranza umana.
    no tags
  • 36) Sono grato a tutte quelle persone che mi hanno detto NO. E' grazie a loro se sono quel che sono.
    Motivazionali
  • 37) La scienza senza le religione è zoppa; la religione senza la scienza è cieca.
    Scienza
  • 38) Le gravi catastrofi naturali reclamano un cambio di mentalità che obbliga ad abbandonare la logica del puro consumismo e a promuovere il rispetto della creazione.
    no tags
  • 39) Devi imparare le regole del gioco. E poi devi giocare meglio di chiunque altro.
    Motivazionali
  • 40) La scuola deve far sì che un giovane ne esca con una personalità armoniosa e non ridotto a uno specialista.
    Scuola
  • 41) L'uomo incontra Dio dietro ogni porta che la scienza riesce ad aprire.
    no tags
  • 42) Chi non ha mai fatto un errore non ha mai provato nulla di nuovo.
    Motivazionali
  • 43) La sensazione più bella che possiamo provare è il mistero. Costituisce l'emozione fondamentale che sta alla base della vera arte e della vera scienza. Colui che l'ha provata e che non è ancora in grado di emozionarsi è come una merce avariata, come una candela spenta. È l'esperienza del mistero, spesso mischiata con la paura, che ha generato la religione. La conoscenza di un qualcosa che non possiamo penetrare, delle ragioni più profonde di una bellezza che si irradia, che sono accessibili alla ragione solo nelle sue più elementari forme, è questa la conoscenza e l'emozione che stanno alla base della religione, in questo senso, e in questo solamente, io posso definirmi profondamente religioso.
    Mistero
  • 44) Io credo nel Dio di Spinoza che si rivela nella ordinaria armonia di ciò che esiste, non in un Dio che si preoccupa del fato e delle azioni degli essere umani.
    FatoDio
  • 45) Impara da ieri, vivi per oggi, spera per il domani. La cosa importante è non smettere di porsi delle domande.
    Motivazionali
  • 46) La sfortuna si adatta incommensurabilmente bene al genere umano: meglio del successo.
    Sfortuna
  • 47) Per essere l'immacolato componente di un gregge, bisogna essere prima di tutto una pecora.
    no tags
  • 48) Sono grato a tutte quelle persone che mi hanno detto NO. E' grazie a loro se sono quel che sono. 
    Motivazionali
  • 49) La teoria è quando si sa tutto e niente funziona. La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché. Noi abbiamo messo insieme la teoria e la pratica: non c'è niente che funzioni... e nessuno sa il perché!
    no tags
  • 50) Non c'è nulla, senza dubbio, che calmi lo spirito come un rum e la vera religione.
    no tags
  • 51) La tragedia della vita è ciò che muore dentro ogni uomo col passar dei giorni.
    Vita
  • 52) Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino. Di cos'altro necessita un uomo per essere felice?
    no tags
  • 53) Il comportamento etico dell’uomo dovrebbe basarsi in maniera attiva sulla solidarietà, sull’educazione, sui legami e sui bisogni sociali. L’uomo sarebbe ben poca cosa se fosse necessario controllarlo con la paura del castigo e la speranza della ricompensa dopo la morte.
    Solidarietà
  • 54) La vecchiaia ha i suoi momenti belli.
    Vecchiaia
  • 55) L'importante è non smettere di fare domande.
    no tags
  • 56) La vera pietra di paragone del merito è il successo.
    Successo
  • 57) Il caso è la via che Dio usa quando vuole restare anonimo.
    no tags
  • 58) La vita e la morte confluiscono in uno e non c'è né evoluzione né destino, soltanto essere.
    Vita
  • 59) La musica di Mozart è così pura e bella che per me rappresenta l'intima bellezza dell'universo.
    Universo
  • 60) La vita era un sogno... ora siamo svegli.
    Vita
  • 61) Se vuoi scoprire qualcosa riguardo al metodo che adottano i fisici teorici, ti suggerisco di attenerti a un principio: non ascoltare quello che dicono e concentrati su quello che fanno.
    no tags
  • 62) La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l'equilibrio devi muoverti.
    VitaBiciclettaMotivazionali
  • 63) L'uomo di scienza non è niente altro che un misero filosofo.
    no tags
  • 64) La vita è un pendolo i cui movimenti che oscillano tra l'anarchia e la tirannia sono alimentati da illusioni perennemente rinnovate.
    AnarchiaVita
  • 65) Lo scienziato trova la sua ricompensa in ciò che Henri Poincarè chiama la gioia della comprensione, e non nelle possibilità applicative delle sue scoperte.
    no tags
  • 66) Le cose più preziose della vita non sono quelle che si comprano col denaro.
    Denaro
  • 67) La cosa più incomprensibile dell'Universo è che esso sia comprensibile.
    Universo
  • 68) Le gravi catastrofi naturali reclamano un cambio di mentalità che obbliga ad abbandonare la logica del puro consumismo e a promuovere il rispetto della creazione.
    no tags
  • 69) Non ho particolari talenti, sono solo appassionatamente curioso.
    no tags
  • 70) Le idee si riferiscono alle esperienze dei sensi, ma non possono mai derivarne logicamente. Per questa ragione non ho mai potuto comprendere la questione dell'a priori nel senso di Kant.
    no tags
  • 71) Più la teoria dei quanti ha successo, più sembra una sciocchezza.
    no tags
  • 72) Le leggi della fisica devono essere di natura tale da valere rispetto a un sistema di riferimento in moto arbitrario.
    no tags
  • 73) Un buon trucco non funziona mai due volte.
    no tags
  • 74) Il Signore è sottile, ma non malizioso.
    no tags
  • 75) Le più felici delle persone, non necessariamente hanno il meglio di ogni cosa, soltanto traggono il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino.
    Felicità
  • 76) Personalmente ho provato il piacere più grande a contatto con le opere d'arte. Mi danno una felicità che non riesco a trovare altrove.
    no tags
  • 77) Le tre regole di lavoro: 1. Esci dalla confusione, trova semplicità. 2. Dalla discordia, trova armonia. 3. Nel pieno delle difficoltà risiede l'occasione favorevole.
    Lavoro
  • 78) Non mi preoccupo mai del futuro, arriva sempre abbastanza presto.
    Futuro
  • 79) Lo scienziato trova la sua ricompensa in ciò che Henri Poincaré chiama la gioia della comprensione, e non nelle possibilità applicative delle sue scoperte.
    Scienza
  • 80) Dio mi ha dato la cocciutaggine di un mulo e il fiuto di un buon segugio.
    no tags
  • 81) Lo spirito, l'idea e l'amore non si possono distruggere. Possiamo cancellare i confini dentro le quali erano racchiusi. Ma essi rimarranno sempre con noi.
    Spirito
  • 82) La natura nasconde i propri segreti perché è sublime, non perché imbroglia.
    no tags
  • 83) Lo studio e la ricerca della verità e della bellezza rappresentano una sfera di attività in cui è permesso di rimanere bambini per tutta la vita.
    Verità
  • 84) Mi fa orrore quando una bella intelligenza è abbinata a una personalità ripugnante.
    Intelligenza
  • 85) Mi sento talmente immerso nell'umanità, talmente smarrito in un immenso universo, che non riesco più a commuovermi o a soffrire per la nascita o la morte di una creatura sola.
    Umanità
  • 86) Nel mezzo delle difficoltà nascono le opportunità.
    no tags
  • 87) Nell'uomo primitivo è in primo luogo la paura che suscita l'idea religiosa.
    Paura
  • 88) Niente beneficerà la salute umana ed aumenterà le possibilità di sopravvivere sulla Terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana.
    no tags
  • 89) Noi scienziati crediamo che ciò che noi e i nostri simili faremo o non faremo entro i prossimi pochi anni determinerà il destino della nostra civiltà. Consideriamo perciò nostro dovere spiegare infaticabilmente questa verità, aiutare la gente a rendersi conto di tutto ciò che è in giuoco, e lavorare, non per mettere in pace la coscienza, ma per la comprensione e per un accordo finale fra popoli e nazioni che sono su posizioni divergenti.
    Scienza
  • 90) Noi vediamo, sentiamo, parliamo, ma non sappiamo quale energia ci fa vedere, sentire, parlare e pensare. E quel che è peggio, non ce ne importa nulla. Eppure noi siamo quell'energia. Questa è l'apoteosi dell'ignoranza umana.
    Ignoranza
  • 91) Non c'è nulla, senza dubbio, che calmi lo spirito come un rum e la vera religione.
    Religione
  • 92) Non c'è, a questo mondo, grande scoperta o progresso che tenga, fintanto che ci sarà anche un solo bambino triste.
    Bambini
  • 93) Non c'é moralista più severo del piacere.
    Piacere
  • 94) Non cerco di immaginare un Dio, mi basta guardare con stupore e ammirazione la struttura del mondo, per quanto essa si lascia cogliere dai nostri sensi inadeguati.
    Dio
  • 95) Non crederò mai che dio giochi a dadi col mondo.
    Dio
  • 96) Non credo affatto alla libertà dell'uomo nel senso filosofico della parola. Ciascuno agisce non soltanto sotto l'impulso di un imperativo esteriore, ma anche secondo una necessità interiore.
    Libertà
  • 97) Non credo in un Dio personale e non ho mai nascosto questa mia convinzione, anzi l'ho espressa chiaramente. Se c'è in me qualcosa che si può definire sentimento religioso, è proprio quella sconfinata ammirazione per la struttura del mondo nei limiti in cui la scienza ce la può rivelare.
    Dio
  • 98) Non esitono grandi scoperte nè reale progresso finché sulla terra esiste un bambino infelice.
    Infelicità
  • 99) Non ha mai commesso un errore se non ha mai tentato qualcosa di nuovo.
    Errori
  • 100) Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna.
    no tags
  • 101) Non ho idea di quali armi serviranno per combattere la terza Guerra Mondiale, ma la quarta sarà combattuta coi bastoni e con le pietre.
    Guerra
  • 102) Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso.
    Curiosità
  • 103) Non pensare che le cose fatte devi contraddirle se ancora non le hai fatte non ce n'è bisogno!
    no tags
  • 104) Non penso mai al futuro, arriva così presto.
    Futuro
  • 105) Non possiamo disperare nell'umanità, dal momento che noi stessi siamo esseri umani.
    Umanità
  • 106) Non posso immaginarmi un Dio che ricompensa e che punisce l'oggetto della sua creazione.
    Dio
  • 107) Non preoccuparti delle tue difficoltà in matematica; posso assicurarti che le mie sono ancora maggiori.» Lettera alla studentessa liceale Barbara Wilson, 7 gennaio 1943
    Matematica
  • 108) Non pretendiamo che le cose cambino se continuiamo a farle nello stesso modo.
    Cambiamento
  • 109) Non riesco a concepire un Dio che premi e castighi le sue creature o che sia dotato di una volontà simile alla nostra. E neppure riesco né voglio concepire un individuo che sopravviva alla propria morte fisica; lasciamo ai deboli di spirito, animati dal timore o da un assurdo egocentrismo, il conforto di simili pensieri. Sono appagato dal mistero dell'eternità della vita e dal barlume della meravigliosa struttura del mondo esistente, insieme al tentativo ostinato di comprendere una parte, sia pur minuscola, della Ragione che si manifesta nella Natura.
    Vita
  • 110) Non si può prevenire e preparare una guerra allo stesso tempo.
    Guerra
  • 111) Non si può risolvere un problema con la stessa mentalità che l'ha generato.
    Problemi
  • 112) Non sono i frutti della ricerca scientifica che elevano un uomo ed arricchiscono la sua natura, ma la necessità di capire e il lavoro intellettuale.
    Scienza
  • 113) Non sono mai stato comunista, ma se lo fossi stato non me ne vergognerei.
    no tags
  • 114) Non tutto ciò che può essere contato necessariamente conta e non tutto ciò che conta può necessariamente essere contato.
    no tags
  • 115) Non v'è nulla, senza dubbio, che calmi lo spirito come un rum e la vera religione.
    Spirito
  • 116) Non voglio e non posso figurarmi un individuo che sopravviva alla sua morte corporale: quante anime deboli, per paura e per egoismo ridicolo, si nutrono di simili idee!
    Morte
  • 117) Non è che io sia così intelligente, è solo che sto più a lungo con più problemi.
    no tags
  • 118) Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla terra quanto l'evoluzione verso una dieta vegetariana.
    no tags
  • 119) Nulla è assoluto e tutto è relativo.
    no tags
  • 120) Nulla è più pratico di una buona teoria.
    no tags
  • 121) Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l'ha già creata.
    Immaginazione
  • 122) Ogni persona seriamente risoluta nella ricerca della scienza diventa convinta che nelle leggi dell'Universo si manifesta uno spirito, uno spirito di gran lunga superiore a quello dell'uomo, e uno di fronte al quale noi, con i nostri modesti poteri, dobbiamo sentirci umili.
    Scienza
  • 123) Ogni persona è un genio. Ma, se giudichi un pesce dalla sua capacità di scalare un albero, passerà tutta la sua vita pensando di essere stupido.
    Genialità
  • 124) Ognuno è un genio. Ma se giudichi un pesce dalla sua capacità di arrampicarsi sugli alberi, vivrà tutta la sua vita credendo di essere stupido.
    Genialità
  • 125) Parlare di crisi significa promuoverla; non parlarne significa esaltare il conformismo. Cerchiamo di lavorare sodo, invece. Smettiamola, una volta per tutte, l'unica crisi minacciosa è la tragedia di non voler lottare per superarla.
    Crisi
  • 126) Per essere certi di venir accolti con favore dagli uomini, è meglio offrire loro del cibo per lo stomaco che per la mente.
    Cibo
  • 127) Per essere l'immacolato componente di un gregge, bisogna essere prima di tutto una pecora.
    Essere
  • 128) Per perdere la testa, bisogna averne una!
    Saggezza
  • 129) Più la teoria dei quanti ha successo e più sembra una sciocchezza.
    no tags
  • 130) Quale il significato della vita umana o di quella, in genere, di ogni altra creatura? Conoscere una risposta a questa domanda significa essere religiosi. Vi domanderete: vale dunque la pena di porla? Io rispondo: chiunque consideri la propria e l'altrui vita come priva di significato è non soltanto infelice ma appena degno di vivere.
    Vita
  • 131) Quando la soluzione è semplice, Dio sta rispondendo.
    no tags
  • 132) Quando rifletto su di me e sui miei metodi intellettuali, mi sembra quasi che il dono della fantasia mi sia servito più della capacità di impadronirmi della conoscenza assoluta.
    Fantasia
  • 133) Quando un uomo siede un'ora in compagnia di una bella ragazza, sembra sia passato un minuto. Ma fatelo sedere su una stufa per un minuto e gli sembrerà più lungo di qualsiasi ora. Questa è la relatività.
    no tags
  • 134) -Albert Einstein: “Quello che più ammiro nella vostra arte, è la sua universalità. Non dite una parola, e nonostante ciò tutto il mondo vi comprende.” -Charlie Chaplin: “È vero,ma la vostra gloria è ancora maggiore - il mondo intero vi ammira, anche se nessuno vi capisce.”
    no tags
  • 135) Quello che davvero mi interessa è se Dio, quando creò il mondo, aveva scelta.
    Dio
  • 136) Quello che vedo nella natura è una struttura stupenda che possiamo capire solo in maniera molto imperfetta e davanti alla quale la persona riflessiva deve sentirsi pervasa da un profondo senso di 'umiltà'. È un sentimento sinceramente religioso che non ha nulla a che vedere con il misticismo. La mia religiosità consiste in un'umile ammirazione di quello Spirito immensamente superiore che si rivela in quel poco che noi, con il nostro intelletto debole e transitorio, possiamo comprendere della realtà. Voglio sapere come Dio creò questo mondo. Voglio conoscere i suoi pensieri. In quanto al resto, sono solo dettagli.
    Universo
  • 137) Quello che è più incomprensibile è che ci sia ancora qualcosa di comprensibile.
    no tags
  • 138) Risalta meravigliosamente bene dai lavori mirabili ai quali Keplero ha consacrato la sua vita, che la conoscenza non può derivare dall'esperienza sola, ma che occorre il paragone fra ciò che lo spirito umano ha concepito e ciò che ha osservato.
    Conoscenza
  • 139) Rispetto alla realtà tutta la nostra scienza è primitiva e infantile, eppure è la cosa più preziosa che abbiamo.
    Scienza
  • 140) Scopo di ogni attività dell'intelletto è ridurre il mistero a qualcosa di comprensibile.
    no tags
  • 141) Se A è uguale al successo, allora la formula è: A uguale a X più Y più Z, dove X è il lavoro, Y il gioco, Z il tenere la bocca chiusa.
    Successo
  • 142) Se Dio ha creato il mondo, non possiamo dire che si sia preoccupato molto di facilitarne la comprensione.
    Dio
  • 143) Se i fatti e la teoria non concordano, cambia i fatti.
    no tags
  • 144) Se in un primo momento l'idea non è assurda, allora non c'è nessuna speranza che si realizzi.
    no tags
  • 145) Se l'umanità deve sopravvivere, avremo bisogno di un vero e proprio nuovo modo di pensare.
    Pensare
  • 146) Se non c'è un prezzo da pagare, allora non ha valore.
    no tags
  • 147) Se prendessimo un binocolo e lo puntassimo nello spazio, vedremmo una linea curva chiusa all'infinito.
    no tags
  • 148) Se una scrivania ingombra è segno di una mente disordinata, di cosa sarà segno allora una scrivania vuota?
    no tags
  • 149) Se verrà dimostrato che la mia teoria della relatività è valida, la Germania dirà che sono tedesco e la Francia che sono cittadino del mondo. Se la mia teoria dovesse essere sbagliata, la Francia dirà che sono un tedesco e la Germania che sono un ebreo.
    Opportunismo
  • 150) Se vuoi descrivere ciò che è vero, lascia l'eleganza al sarto.
    Eleganza
  • 151) Se vuoi scoprire qualcosa riguardo al metodo che adottano i fisici teorici, ti suggerisco di attenerti a un principio: non ascoltare quello che dicono e concentrati su quello che fanno.
    no tags
  • 152) Se vuoi una vita felice, devi dedicarla a un obiettivo, non a delle persone o a delle cose.
    Felicità Vita
  • 153) Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia.
    VitaCrisi
  • 154) Senza personalità creatrici capaci di pensare e giudicare liberamente, lo sviluppo della società in senso progressivo è altrettanto poco immaginabile quanto lo sviluppo della personalità individuale senza l'ausilio vivificatore della società.
    Personalità
  • 155) Si potrebbe dire che l'eterno mistero del mondo sia la sua comprensibilità.
    Mistero
  • 156) Si è molto vicino al vero quando si dice che è facile dare dei consigli giusti e assennati agli altri, ma è difficile agire in modo giusto e assennato.
    no tags
  • 157) Solo quelli che sono così folli da pensare di cambiare il mondo, lo cambiano davvero.
    Mondo
  • 158) Soltanto una vita vissuta per gli altri è una vita che vale la pena vivere.
    Vita
  • 159) Sono diventato vegetariano per ragioni etiche, oltre che salutistiche. Credo che il vegetarismo possa incidere in modo favorevole sul destino dell'umanità.
    no tags
  • 160) Sono pochi quelli che vedono coi propri occhi e provano sentimenti con i propri cuori.
    Sentimento
  • 161) Spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza.
    Impossibile
  • 162) Strano come la scienza che ai vecchi tempi sembrava inoffensiva si sia trasformata in un incubo che fa tremare tutti.
    Scienza
  • 163) Talvolta un pensiero mi annebbia l'Io: sono pazzi gli altri, o sono pazzo io?
    Pensiero
  • 164) Talvolta uno paga di più le cose che ha avuto gratis.
    no tags
  • 165) Tanto più avanza l'ulteriore evoluzione del genere umano, tanto più certo mi sembra quel sentiero verso la genuina religiosità che non si adagia sulla paura della vita, sulla paura della morte e sulla fede cieca.
    no tags
  • 166) Torna a eterno merito della scienza l'aver liberato l'uomo dalle insicurezze su se stesso e sulla natura agendo sulla sua mente.
    Scienza
  • 167) Tutta la scienza non è altro che un raffinamento del pensiero comune.
    Scienza
  • 168) Tutti i matrimoni sono pericolosi.
    Matrimonio
  • 169) Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.
    no tags
  • 170) Tutti siamo consapevoli della difficile e minacciosa situazione in cui si trova la società umana, stretta in una sola comunità da un destino comune; tuttavia solo pochi agiscono tenendo presente ciò. La maggior parte della gente continua a vivere la propria vita giorno per giorno: per metà spaventati, per metà indifferenti, se ne stanno a guardare la spettrale tragicommedia che viene rappresentata sulla scena internazionale di fronte agli occhi e alle orecchie del mondo. Ma su questa scena, sulla quale gli attori sostengono, sotto la luce dei riflettori, le parti stabilite, viene deciso il nostro destino di domani, la vita o la morte delle nazioni.
    Umanità
  • 171) Tutto ciò che ha valore nella società umana dipende dalle opportunità di progredire che vengono accordate ad ogni individuo.
    Progresso
  • 172) La vera crisi, è la crisi dell'incompetenza. L'inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita.
    CrisiIncompetenza
  • 173) Tutto dovrebbe essere reso il più semplice possibile, ma non più semplice.
    Semplicità
  • 174) Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c'è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica.
    no tags
  • 175) Tutto è relativo. Prendi un ultracentenario che rompe uno specchio: sarà ben lieto di sapere che ha ancora sette anni di disgrazie.
    no tags
  • 176) Uccidere in guerra non è affatto meglio che commettere un banale assassinio.
    Guerra
  • 177) Un buon trucco non funziona mai due volte.
    no tags
  • 178) Un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di esse potrà porne uno.
    Problemi
  • 179) A me la cosa peggiore in una scuola sembra l'uso di metodi basati sulla paura, sulla forza e sull'autorità artificiosa. Un tale trattamento distrugge i sentimenti sani, la sincerità e la fiducia in se stesso dell'allievo. Produce dei soggetti sottomessi. È relativamente semplice tenere la scuola lontana da questo gravissimo male. Date all'insegnante il minore numero possibile di mezzi coercitivi, così che l'unica fonte di rispetto da parte dell'allievo sia costituita dalle qualità umane e intellettuali dell'insegnante stesso.
    Scuola
  • 180) Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino; di cos'altro necessita un uomo per essere felice?
    Felicità
  • 181) A parer mio, la scelta di vita vegetariana, anche solo per i suoi effetti fisici sul temperamento umano, avrebbe un'influenza estremamente benefica sulla maggior parte dell'umanità.
    no tags
  • 182) Un uomo felice è troppo soddisfatto del presente per pensare molto al futuro.
    Felicità
  • 183) A perenne vanto della scienza sta il fatto che essa, agendo sulla mente umana, ha vinto l'insicurezza dell'uomo di fronte a se stesso e alla natura.
    Scienza
  • 184) Un uomo è vecchio solo quando i rimpianti, in lui, superano i sogni.
    Vecchiaia
  • 185) Ad ogni sistema autocratico fondato sulla violenza fa sempre seguito la decadenza, perché la violenza attrae inevitabilmente. Il tempo ha dimostrato che a dei tiranni illustri succedono sempre dei mascalzoni.
    Violenza
  • 186) Una comunità sana è legata tanto alla libertà degli individui quanto alla loro unione sociale.
    Libertà
  • 187) Anche se le leggi della matematica si riferiscono alla realtà, non possiedono una veridicità assoluta, e se l'avessero, allora non si riferirebbero alla realtà.
    Matematica
  • 188) Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile eppure è la cosa più preziosa che abbiamo.
    Scienza
  • 189) Avete l'impressione che la fisica contemporanea sia basata su concetti qualche volta analoghi al sorriso di un gatto che non c'è?
    Sorriso
  • 190) Una persona che non abbia mai commesso un errore non ha mai cercato di fare qualcosa di nuovo.
    Errori
  • 191) Bisognerebbe evitare di predicare ai giovani il successo nella solita forma come lo scopo principale nella vita. Il motivo più importante per lavorare a scuola e nella vita è il piacere nel lavoro, piacere nel suo risultato, e la consapevolezza del valore del risultato per la comunità.
    Successo
  • 192) Una teoria può essere provata da un esperimento. Ma nessun percorso guida dall'esperimento alla nascita di una teoria.
    no tags
  • 193) Bisognerebbe rendere tutto il più semplice possibile, ma non troppo semplice.
    Semplicità
  • 194) Una vita che miri principalmente a soddisfare i desideri personali conduce prima o poi a un'amara delusione.
    DelusioneVita
  • 195) C'è una forza motrice più forte del vapore, dell'elettricità e dell'energia atomica: la volontà.
    VolontàForza
  • 196) Una volta che l'idea teorica è acquisita, è bene seguirla finché conduce a una conclusione insostenibile.
    no tags
  • 197) C'è una sola strada che porta gli uomini alla vera grandezza umana: la dura scuola delle sventure.
    Strada
  • 198) Uno scienziato è una mammola quando ha sbagliato lui e un leone ruggente quando scopre l'errore di un altro.
    Scienza
  • 199) Cento volte al giorno ricordo a me stesso che la mia vita interiore e esteriore sono basate sulle fatiche di altri uomini, vivi e morti,, e che io devo fare il massimo sforzo per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto.
    no tags
  • 200) Uno stomaco vuoto non è un buon consigliere politico.
    Fame
  • 201) Cerca di diventare non un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore.
    SuccessoMotivazionali
  • 202) Vi sono due modi secondo cui la scienza influisce sulla vita dell'uomo. Il primo è familiare a tutti: direttamente ancor più indirettamente la scienza produce strumenti che hanno completamente trasformato l'esistenza umana. Il secondo è per sua natura educativo, agendo sullo spirito. Per quanto possa apparire meno evidente a un esame frettoloso, questa seconda modalità non è meno efficiente della prima.
    Scienza
  • 203) Chi ha cari i valori della cultura non può non essere pacifista.
    Cultura
  • 204) Vivo in quella solitudine che è penosa in gioventù, ma deliziosa negli anni della maturità.
    Solitudine
  • 205) Chi ha da fare non ha tempo per le lacrime.
    Lacrime
  • 206) È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità.
    Falsità
  • 207) Chi non ammette l'insondabile mistero non può essere neanche uno scienziato.
    Mistero
  • 208) Chi non riesce più a provare stupore e meraviglia è già come morto e i suoi occhi sono incapaci di vedere.
    Occhi
  • 209) È meglio essere ottimisti ed avere torto piuttosto che pessimisti ed avere ragione.
    Ottimismo
  • 210) Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato. Chi attribuisce le proprie sconfitte e i propri errori alla crisi, violenta il proprio talento e mostra maggior interesse per i problemi piuttosto che per le soluzioni. La vera crisi è l'incompetenza.
    Crisi
  • 211) È nella crisi che il meglio di ognuno di noi affiora; senza crisi qualsiasi vento diventa una brezza leggera.
    Crisi
  • 212) Chiunque consideri la propria e l'altrui vita come priva di significato è non soltanto infelice ma appena degno di vivere.
    Vita
  • 213) È più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.
    Pregiudizio
  • 214) Chiunque crede che la sua propria vita e quella dei suoi simili sia priva di significato è non soltanto infelice, ma appena capace di vivere.
    Vita
  • 215) È sufficiente per me il mistero dell'eternità della vita, il sentore della meravigliosa struttura dell'universo e della realtà, insieme al tentativo di comprendere quella parte, sia pure piccola, della ragione che manifesta se stessa nella natura.
    Mistero
  • 216) Chiunque si pone come arbitro in materia di conoscenza, è destinato a naufragare nella risata degli dei.
    Conoscenza
  • 217) Chiunque si prenda la briga di ergersi a giudice nel campo delle verità e della conoscenza, viene mandato in rovina dalle risa degli dei.
    Conoscenza
  • 218) Ci sarà sempre una penna per scrivere il futuro, ma non ci sarà mai una gomma per cancellare il passato.
    Passato
  • 219) Ci sono due modi di vivere la tua vita. Una è pensare che niente è un miracolo. L'altra è pensare che ogni cosa è un miracolo.
    Vita
  • 220) Ci sta a cuore non solo il problema tecnico dell'assicurare e preservare la pace, ma anche l'importante compito dell'istruzione e dell'illuminazione delle menti. Senza la libertà che i nostri antenati conquistarono per noi dopo dure lotte, non ci sarebbe stato alcuno Shakespeare, o Goethe, o Newton, o Faraday, o Pasteur o Lister. Solo gli uomini liberi possono produrre le invenzioni e le opere intellettuali che a noi moderni rendono la vita degna di essere vissuta.
    Libertà
  • 221) Ciò che veramente mi interessa è se Dio avesse potuto fare il mondo in una maniera differente, cioè se la necessità di semplicità logica lasci qualche libertà.
    Mondo
  • 222) Com'è difficile riuscire a dare uno sguardo alle carte di Dio, ma non credo per un solo istante che Egli giochi a dadi.
    Scienza
  • 223) Continua a piantare i tuoi semi, perché non saprai mai quali cresceranno.
    no tags
  • 224) Cosa ci spinge, dunque, ad elaborare teoria dopo teoria? Perché, addirittura, formuliamo teorie? La risposta alla seconda domanda è semplice: perché amiamo «comprendere», ossia ridurre i fenomeni per mezzo del procedimento logico a qualcosa di già noto o (manifestamente) evidente. Prima di tutto sono necessarie nuove teorie quando si affrontano fatti nuovi che non possono essere «spiegati» da teorie esistenti. Ma questa motivazione è, per così dire, banale, imposta dall'esterno. C'è un'altra motivazione più sottile e di non minore importanza. Si tratta dello sforzo verso l'unificazione e la semplificazione delle premesse della teoria nel suo insieme.
    no tags
  • 225) Credo che gli uomini siano foglie che non rispettano i tronchi.
    Rispetto
  • 226) Credo che una condotta di vita semplice e discreta sia la cosa migliore per tutti, la cosa migliore per il corpo e la mente.
    Vita
  • 227) Da quando è stata approntata la prima bomba atomica nessun tentativo è stato fatto per rendere il mondo più sicuro dalla guerra, mentre molto è stato fatto per aumentare la capacità distruttrice della guerra stessa.
    Guerra
  • 228) Difficilmente troverete uno spirito profondo nell'indagine scientifica senza una sua caratteristica religiosità.
    Spirito
  • 229) Dio non gioca a dadi.
    Dio
  • 230) Dio è ingegnoso, ma non disonesto.
    Dio
  • 231) Dio è sottile ma non è malizioso.
    Dio
  • 232) Disprezzo profondamente chi è felice di marciare nei ranghi e nelle formazioni al seguito di una musica: costui solo per errore ha ricevuto un cervello; un midollo spinale gli sarebbe più che sufficiente.
    no tags
  • 233) Dobbiamo essere pronti a fare sacrifici eroici in favore della pace più di quanto facciamo di buon grado in favore della guerra. Non esiste dovere che io consideri più importante o al quale io tenga di più.
    Sacrificio
  • 234) Dovremmo sforzarci di fare le cose allo stesso modo: non utilizzando la violenza per combattere per la nostra causa, ma non partecipando a qualcosa che crediamo sia sbagliato.
    no tags
  • 235) Dovremmo stare attenti a non fare dell'intelletto il nostro Dio; esso ha, certamente, muscoli potenti, ma nessuna personalità.
    no tags
  • 236) Due cose mi ispirano soggezione, i cieli stellati sopra e l'universo morale dentro.
    no tags
  • 237) Esiste una passione per la comprensione proprio come esiste una passione per la musica; è una passione molto comune nei bambini, ma che poi la maggior parte degli adulti perde.
    Passione
  • 238) Fate le cose nel modo più semplice possibile, ma senza semplificare.
    no tags
  • 239) Finché ci saranno gli uomini, ci saranno le guerre.
    Guerra
  • 240) Finché le leggi della matematica si riferiscono alla realtà, non sono certe, e finché sono certe, non si riferiscono alla realtà.
    Matematica
  • 241) Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi.
    Follia
  • 242) Gli atei fanatici sono come schiavi che ancora sentono il peso delle catene dalle quali si sono liberati dopo una lunga lotta. Essi sono creature che nel loro rancore contro le religioni tradizionali come 'oppio delle masse' non possono sentire la musica delle sfere.
    no tags
  • 243) Gran brutta malattia il razzismo. Più che altro strana: colpisce i bianchi, ma fa fuori i neri.
    Razzismo
  • 244) Ho sempre amato la solitudine, una caratteristica che tende ad accentuarsi con l'età.
    Solitudine
  • 245) I bambini non danno retta all'esperienza dei genitori e le nazioni ignorano la storia. Le brutte lezioni vanno sempre imparate da capo.
    Bambini
  • 246) I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi. Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti. L'insieme dei due costituisce una forza incalcolabile.
    Intelligenza
  • 247) I concetti della fisica sono libere creazioni della mente umana e non sono, comunque possa sembrare, unicamente determinati dal mondo esterno.
    no tags
  • 248) I geni religiosi di tutte le epoche si sono distinti per questo tipo di sentimento religioso, che non concepisce né dogma né Dio a immagine dell'uomo; e così non ci possono essere chiese i cui principali insegnamenti siano basati su questi principi.
    Religione
  • 249) I grandi spiriti hanno sempre trovato la violenta opposizione delle menti mediocri. La mente mediocre è incapace di comprendere l'uomo che rifiuta d'inchinarsi ciecamente ai pregiudizi convenzionali e sceglie, invece, di esprimere le proprie opinioni con coraggio e onestà.
    Mediocrità
  • 250) I più grandi scienziati sono sempre anche degli artisti.
    Scienza
  • 251) I problemi non possono essere risolti allo stesso livello di conoscenza che li ha creati.
    Problemi
  • 252) Il buon senso è l'insieme di pregiudizi acquisiti fino ai diciott'anni.
    Pregiudizio
  • 253) Il caso è la via che Dio usa quando vuole restare anonimo.
    no tags
  • 254) Il grandioso scopo della scienza è di abbracciare la massima quantità di fatti empirici attraverso deduzioni logiche fatte a partire dalla minima quantità di ipotesi o di assiomi.
    Scienza
  • 255) Il matrimonio è il tentativo fallimentare di trasformare un caso in qualcosa di duraturo.
    Matrimonio
  • 256) Il mio ideale politico è l'ideale democratico.
    Democrazia
  • 257) Il mio pacifismo è un sentimento istintivo, un sentimento che mi abita perché l'omicidio è ripugnante. Non nasce da una teoria intellettualistica, ma da un profondo orrore per ogni forma di odio e di crudeltà.
    Pace
  • 258) Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvage ma per quelli che osservano senza dire nulla.
    Mondo
  • 259) Il nazionalismo è una malattia infantile; è il morbillo dell'umanità.
    no tags
  • 260) Il nostro compito deve essere quello di liberare noi stessi da questa prigione; attraverso l'allargamento del nostro circolo di conoscenza e di comprensione; sino a includere tutte le creature viventi e l'interezza della natura nella sua bellezza.
    Conoscenza
  • 261) Il piacere é peccato, e talvolta il peccato é un piacere.
    Piacere
  • 262) Il processo di una scoperta scientifica è, in effetti, un continuo conflitto di meraviglie.
    Scienza
  • 263) Il razzismo é una strana malattia che colpisce i bianchi ma fa fuori i neri.
    Razzismo
  • 264) Il ricordo della felicità non é più felicità, il ricordo del dolore é ancora dolore.
    Ricordi
  • 265) Il segreto della creatività è saper nascondere le proprie fonti.
    Creatività
  • 266) Il senso comune è quello strato di pregiudizi che si sono depositati nella mente prima dei diciotto anni.
    Pregiudizio
  • 267) Il sentimento religioso degli scienziati prende la forma di un entusiastico stupore di fronte all'armonia della legge naturale, che rivela una intelligenza di tale superiorità che, comparati con essa, tutto il sistematico pensiero e l'azione del genere umano non ne sono che un riflesso completamente insignificante.
    Scienza
  • 268) Il valore di un risultato sta nel processo per raggiungerlo.
    no tags
  • 269) Il valore di un uomo dovrebbe essere misurato in base a quanto dà e non in base a quanto è in grado di ricevere.
    no tags
  • 270) Il valore di un uomo, per la comunità in cui vive, dipende anzitutto dalla misura in cui i suoi sentimenti, i suoi pensieri e le sue azioni contribuiscono allo sviluppo dell'esistenza degli altri individui.
    no tags
  • 271) Il vero valore di un essere umano è rivelato dalla sua capacità di raggiungere la liberazione da se stesso.
    no tags
  • 272) Imparare è un'esperienza; tutto il resto è solo informazione.
    Imparare
  • 273) Io non pretendo di sapere cosa sia l'amore per tutti, ma posso dirvi che cosa è per me: l'amore è sapere tutto su qualcuno, e avere la voglia di essere ancora con lui più che con ogni altra persona. L'amore è la fiducia di dirgli tutto su voi stessi, compreso le cose che ci potrebbero far vergognare. L'amore è sentirsi a proprio agio e al sicuro con qualcuno, ma ancor di più è sentirti cedere le gambe quando quel qualcuno entra in una stanza e ti sorride.
    Amore
  • 274) Io non so come si combatterà la terza guerra mondiale, ma so che la quarta si combatterà con pietre e bastoni.
    Guerra
  • 275) L'amore porta molta felicità, molto più di quanto struggersi per qualcuno porti dolore.
    Amore
  • 276) L'arte suprema di un maestro è la gioia che si risveglia nell'espressione creativa e nella conoscenza.
    Arte
  • 277) L'arte é l'espressione del pensiero più profondo nel modo più semplice.
    Arte
  • 278) L'autentica religione è il vero vivente; vivente tutt'uno con l'anima, tutt'uno con la bontà e la rettitudine.
    Religione
  • 279) L'esperienza resta naturalmente l'unico criterio per utilizzare una costruzione matematica della fisica, ma è nella matematica che si trova il principio veramente creatore. Da un certo punto di vista riconosco che il pensiero puro è capace di afferrare la realtà, come gli antichi pensavano.
    Matematica
  • 280) L'eterno mistero del mondo è la sua comprensibilità... Il fatto che sia comprensibile è un miracolo.
    Mondo
  • 281) L'idea di un Dio personale è un concetto antropologico che non sono capace di prendere seriamente.
    Dio
  • 282) L'immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo, stimolando il progresso, facendo nascere l'evoluzione.
    Immaginazione
  • 283) L'importante è non smettere di fare domande.
    Domande
  • 284) L'impressione del misterioso, sia pure misto a timore, ha suscitato, tra l'altro, la religione.
    Mistero
  • 285) L'umanità avrà la sorte che saprà meritarsi.
    Umanità
  • 286) L'unica razza che conosco è quella umana.
    no tags
  • 287) L'uomo che considera la propria vita e quella dei suoi simili senza senso non è soltanto sfortunato ma è quasi squalificato per vivere.
    Vita
  • 288) L'uomo che è convinto dell'esistenza e della operatività della legge di causalità non può concepire l'idea di un Essere che interferisce con il corso degli eventi. A patto naturalmente che egli prenda l'ipotesi della causalità veramente sul serio.
    no tags
  • 289) L'uomo di scienza non è niente altro che un misero filosofo.
    Scienza
  • 290) L'uomo ha inventato la bomba atomica, ma non esiste topo al mondo che inventerebbe la trappola per topi.
    no tags
  • 291) L'uomo incontra Dio dietro ogni porta che la scienza riesce ad aprire.
    Dio
  • 292) L'uomo è nato per odiare in misura quasi maggiore d'amare: e l'odio non si stanca di afferrare qualsiasi situazione disponibile.
    Odio
  • 293) La condotta etica dell'uomo deve basarsi effettivamente sulla compassione, l'educazione e i legami sociali, senza ricorrere ad alcun principio religioso. Gli uomini sarebbero da compiangere se dovessero essere frenati dal timore di un castigo o dalla speranza di una ricompensa dopo la morte.
    no tags
  • 294) La conoscenza di ciò che è non apre direttamente la porta alla conoscenza di ciò che dovrebbe essere. Si può avere la conoscenza più chiara e più completa di ciò che è, e tuttavia non riuscire a dedurre da questa quale dovrebbe essere la meta delle nostre aspirazioni umane. La conoscenza obiettiva ci fornisce strumenti potenti per la conquista di certe mete, ma il fine ultimo e il desiderio di raggiungerlo devono nascere da un'altra fonte.
    Conoscenza
  • 295) La conoscenza scientifica non gode di un accesso immediato alla realtà di cui parla, non è come aprire gli occhi e constatare che si è fatto giorno.
    Scienza
  • 296) E' meglio essere ottimisti ed avere torto che pessimisti e avere ragione.
    no tags
  • 297) Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo l'universo ho ancora dei dubbi.
    UniversoStupidità
  • 298) La cosa più bella che possiamo sperimentare è il mistero; è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.
    Mistero
  • 299) Ci sono solo due modi per vivere la vita. Uno è come se niente fosse un miracolo. L'altra è come se tutto fosse un miracolo.
    no tags
  • 300) La cosa più incomprensibile dell'Universo è che esso sia comprensibile.
    Universo
  • 301) Dio non gioca a dadi col mondo.
    no tags
  • 302) La crisi può essere una vera benedizione per ogni persona e per ogni nazione, perché è proprio la crisi a portare progresso. La creatività nasce dall'angoscia, come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che nasce l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie.
    Crisi
  • 303) L'immaginazione è più importante della conoscenza.
    no tags
  • 304) La differenza fra la genialità e la stupidità è che la genialità ha i dei limiti.
    Genialità
  • 305) La cosa più bella di cui possiamo fare esperienza è il mistero. E' la fonte di tutta la vera arte e scienza.
    Esperienza
  • 306) La differenza fra la gloria reale e quella fittizia sta nel sopravvivere nella storia o in una storia.
    no tags
  • 307) Il sapere che l'impenetrabile esiste realmente e si manifesta a noi come la più alta saggezza e la bellezza più splendida, che le nostre facoltà limitate riescono a comprendere solo nelle loro forme più primitive - questa coscienza, questo sentimento, è al cuore di ogni autentica religiosità.
    no tags
  • 308) La fantasia è più importante della conoscenza.
    Fantasia
  • 309) L'uomo ha scoperto la bomba atomica, però nessun topo al mondo costruirebbe una trappola per topi.
    no tags
  • 310) La fisica contemporanea è basata su concetti qualche volta analoghi al sorriso di un gatto che non c'è.
    no tags
  • 311) Se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa, allora, è segno una scrivania vuota?
    no tags
  • 312) La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.
    Follia
  • 313) Mai memorizzare quello che puoi comodamente trovare in un libro.
    no tags
  • 314) La geometria, quando è certa, non dice nulla del mondo reale, e quando dice qualcosa a proposito della nostra esperienza, è incerta.
    no tags
  • 315) Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita.
    no tags
  • 316) La guerra non è un gioco da salotto in cui tutti rispettano le regole. Quando ci sono in ballo la vita e la morte, le regole e gli obblighi vanno a farsi benedire. Qui soltanto il ripudio totale della guerra può essere utile.
    Guerra
  • 317) La memoria è l'intelligenza degli idioti.
    Intelligenza
  • 318) La logica vi porterà da A a B. L'immaginazione vi porterà ovunque.
    ImmaginazioneMotivazionali
  • 319) Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido.
    no tags
  • 320) La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente.
    Mente
  • 321) Se vuoi una vita felice devi dedicarla a un obiettivo, non a delle persone o a delle cose.
    no tags
  • 322) La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono.
    Mente
  • 323) La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.
    Mente
  • 324) Qualsiasi uomo che guida in maniera sicura, mentre sta baciando una bella ragazza, è un uomo che non sta prestando al bacio la giusta importanza.
    Bacio
  • 325) La mia religione consiste di un'umile ammirazione per l'illimitato spirito superiore che rivela se stesso nei leggeri dettagli che siamo capaci di percepire con la nostra mente gracile e debole.
    Religione
  • 326) La misura dell'intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario.
    Intelligenza
  • 327) La missione più alta del fisico è dunque la ricerca di queste leggi elementari.
    no tags
  • 328) I grandi spiriti hanno sempre incontrato l'opposizione violenta delle menti mediocri.
    no tags
  • 329) La misura dell'intelligenza è data dalla capacità di cambiare quando è necessario.
    Intelligenza
  • 330) La vita non ti dà le persone che vuoi, ti dà le persone di cui hai bisogno: per amarti, per odiarti, per formarti, per distruggerti e per renderti la persona che era destino che fossi.
    Destino
  • 331) La modernità ha fallito. Bisogna costruire un nuovo umanesimo, altrimenti il pianeta non si salva.
    Umanità
  • 332) Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l'inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere -Superato-. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e da più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi, è la crisi delle'incompetenza. L'inconveniente delle persone e delle Nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie d'uscita. Senza la crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c'è merito. È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lieve brezze. Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo, invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l'unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla.
    CrisiMotivazionali
  • 333) La morale non ha niente di divino, è una facenda puramente umana.
    Moralità
  • 334) Finché esisterà l'uomo esisteranno anche le guerre.
    no tags
Fonti

Per eventuali fonti non citate si prega di fare riferimento alla pagina dei Ringraziamenti

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima parte o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie ) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore .Cookie policy

Top